Fermo, due colpi di tosse e poi il silenzio: il professore muore durante la lezione online

Mercoledì 25 Marzo 2020
Sant'Elpidio a Mare, due colpi di tosse e poi il silenzio: il professore muore durante la lezione online

SANT'ELPIDIO A MARE - Teneva lezione in videoconferenza ai suoi allievi, come faceva di frequente in questi giorni di chiusura delle scuole e isolamento forzato in casa. Poi, all’improvviso, si è fermato per qualche istante, si è alzato e si è allontanato dietro una tenda, per non tornare più. I ragazzi che lo seguivano online hanno sentito un paio di colpi di tosse, poi il silenzio.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus: l'ospedale sarà sulla nave. Oggi il progetto, servono 12 milioni

Coronavirus, altri 32 morti in un giorno nelle Marche, tra cui uno di 37 anni. Accertati però altri 21 decessi: il totale sale a 283

E’ morto così, stroncato da un infarto, Fabrizio Borgi, professore 58enne. Abitava a Sant’Elpidio a Mare, in pieno centro storico. Lascia la moglie ed una figlia. Una fine assurda, imprevedibile, seguita in diretta web dai suoi studenti, che hanno assistito ai disperati tentativi di rianimazione in diretta, dato che il tablet col quale il docente stava tenendo la lezione era rimasto collegato. Sono stati proprio gli allievi ad allertare i soccorsi. Hanno atteso alcuni minuti, pensando si fosse dovuto allontanare per una telefonata o per sbrigare qualche problema in casa. Ma dopo un po’, quel silenzio prolungato è parso anomalo ed hanno iniziato a sospettare fosse accaduto qualcosa. I loro timori si sono rivelati purtroppo fondati. Davanti all’abitazione dell’insegnante sono arrivati ambulanza ed automedica della Croce azzurra di Sant’Elpidio a Mare, una pattuglia dei carabinieri e due della polizia locale, oltre ad un equipaggio dei vigili del fuoco. Ad aprire la porta una donna che stava effettuando delle pulizie in casa e, trovandosi in un’altra stanza, non si era accorta di nulla.

Ultimo aggiornamento: 11:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani