Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morto Sandro Mayer, il giornalista "garbato" di Ballando. Fu direttore di Gente per 20 anni

Morto Sandro Mayer, giornalista "garbato" di Ballando. Fu direttore di Gente per 20 anni
4 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Novembre 2018, 11:11 - Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 08:56

È morto stanotte a Roma, all'ospedale Fatebenefratelli, il giornalista Sandro Mayer scrittore e volto familiare della tv. È mancato a pochi giorni dal 78esimo compleanno, che avrebbe festeggiato il 21 dicembre. Direttore da molti anni del settimanale DiPiù e DiPiùtv, da diverse stagioni ricopriva anche il ruolo di opinionista su Rai1 a Ballando con le Stelle, lo show di Milly Carlucci, dove sarebbe tornato anche nella prossima edizione, al via il 9 marzo 2019. 

Eleonora Daniele sconvolta in diretta a Storie Italiane: manda in onda la sua ultima intervista
Selvaggia contro Sandro Mayer: «Arrabbiato per la marmotta mogano che gli cinge il capo»


Era nato a Piacenza nel 1940. Lascia la moglie Daniela, conosciuta quando era giovanissimo ed era andato a Londra per imparare l'inglese, e la figlia Isabella. Laureato in scienze politiche, nella sua lunga carriera giornalistica è stato direttore di riviste come «Dolly», «Novella 2000» ed «Epoca» fino al 1983 quando ha assunto la guida di «Gente» che ha mantenuto per vent'anni. Ha lavorato inoltre come autore e regista di teatro. 
 



A Ballando con le stelle, dove oltre a giudicare i concorrenti, seduto su un trono dorato, si lanciava lui stesso in balli sfrenati. «Caro Sandro, sei stato il fratello saggio, un consigliere, un affettuoso, amorevole e prezioso compagno di viaggio e di vita. Non riesco a crederci. Mi hai spezzato il cuore. Il mio affetto e la mia stima per te non finiranno mai». È il commovente saluto di Milly Carlucci su Twitter. Se Mara Venier pubblica una foto di lei insieme a Mayer su Instagram, a salutare il giornalista anche il vicepremier Matteo Salvini: «Buon viaggio a #SandroMayer, giornalista e direttore di successo che si è sempre dimostrato corretto, preciso e rispettoso, in un mondo in cui queste doti sono ormai rare. Grazie di tutto amico mio». «Sono profondamente addolorato per la morte di Sandro Mayer con il quale ho lavorato molti anni. Tra noi c'era una lunga e solida amicizia», con queste parole Maurizio Costanzo ha espresso il proprio cordoglio per la scomparsa del giornalista. Sui social si riversa il cordoglio di chi lo aveva conosciuto o semplicemente seguito e ammirato per il suo lavoro. È stato una persona garbata e gentile, in molti si stringono attorno alla moglie e alla figlia. 
 
Tanti i messaggi della famiglia di Ballando: Selvaggia Lucarelli, lo ricorda con parole significative: «È morto un amico e l'ultimo vero direttore/manager rimasto». Scrive Carolyn Smith, giudice di Ballando: «Sono senza parole. Accogliere la notizia che è mancato un amico e un volto storico di Ballando con le Stelle e un grande giornalista di Di Più. RIP Sandro», Ivan Zazzaroni: «Addio, Sandro. Addio alla tua educazione, alla tua gentilezza, al tuo amore per il lavoro, a quel modo tutto #Mayer di sottolineare i sentimenti, alla tua leggerezza, anche alle sorprese per le quali ti prendevamo in giro. Mancherai a me e alla squadra». Parole di affetto anche da Simona Ventura: «Nessuno come Sandro Mayer ha saputo, in questi anni, raccontare il nostro Paese. Dissacrante e profondamente cattolico, ironico, intellettuale e includente, ha sempre precorso i tempi. Caro Direttore, ci mancherai!».
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ciao Sandro ci volevamo bene davvero....grazie dei tuoi consigli....mi mancheranno 🌹🌹🌹RIP🙏🏻 #sandromayer

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA