MATTEO SALVINI

​Salvini, mascherina con l'immagine di Paolo Borsellino in via D'Amelio. Polemiche di Pd e 5Stelle

Venerdì 8 Gennaio 2021
2
Salvini, mascherina con l'immagine di borsellino in via D'Amelio. Polemiche di Pd e 5Stelle

Ha creato una valanga di polemiche, facendo molto discutere, il gesto di Matteo Salvini, che oggi si è presentato in via D'Amelio a Palermo indossando una mascherina con l'immagine del giudice Paolo Borsellino. «Ogni volta che vengo a Palermo ritengo un dovere civico e umano rendere omaggio a Paolo Borsellino e agli uomini e alle donne della scorta, mi sembra il minimo. Mi sembrava giusto partire da qui», ha detto Matteo Salvini, che è giunto a Palermo stamani in vista dell'udienza preliminare di domani sulla Open Arms (è accusato di sequestro di persona e omissione di atti d'ufficio dalla Procura) e ha deposto un mazzo di fiori sotto l'albero in via D'Amelio, dove il 19 luglio del 1992 un'autobomba uccise il giudice Borsellino e gli uomini (e una donna, Emanuela Loi, 24 anni) della scorta.

Sceso dall'auto, Salvini si è tolto la mascherina per indossarne un'altra, con l'immagine di Paolo Borsellino. A donargliela è stato Alberto Samonà, assessore leghista nella giunta regionale di Nello Musumeci. «Sono felice di avere regalato oggi a Matteo Salvini una mascherina che ritrae Paolo Borsellino e riporta una sua bellissima frase sull'impegno contro la mafia. E sono felice che l'abbia indossata per rendergli omaggio, deponendo un mazzo di fiori in via D'Amelio. Polemizzare su questo, francamente qualifica soltanto chi lo fa». A sottolinearlo è l'assessore regionale dei beni culturali e dell'identità siciliana, Alberto Samonà (Lega). «Da tantissimi anni - spiega Samonà - sono fra coloro che partecipano alla fiaccolata, che si conclude proprio in via D'Amelio per ricordare Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, assassinati da Cosa nostra. Un appuntamento che per me è un dovere civico e morale. Oggi come ieri, contro chi vuole oscurarne la memoria. #Paolovive».

Salvini-mascherina di Borsellino, le polemiche

Immediate le polemiche politiche. «L'avidità di palcoscenico di questo personaggio è tale da essere pronto a creare il caso e la polemica strumentalizzando l'immagine di chi ha che ha dato la vita per il nostro Paese. Semplicemente disgusto», scrive su Facebook il deputato dem Carmelo Miceli, membro della commissione Giustizia della Camera e responsabile sicurezza del Partito Democratico, commentando la mascherina indossata oggi dal leader della Lega Matteo Salvini a via D'Amelio, a Palermo, nel luogo della strage in cui fu ucciso il giudice Paolo Borsellino con cinque agenti della scorta, che ritrae il magistrato e una frase che disse prima di morire.

«Il personaggio ormai è noto, soprattutto nella sua propensione a mistificare e strumentalizzare. È bulimico. Ma non può permettersi di offendere i simboli dell'antimafia, come ha fatto con la mascherina che ritrae l'immagine di Paolo Borsellino , chieda scusa, cerchi il senso del limite», dice Mario Perantoni, Presidente della commissione Giustizia della Camera, deputato M5S.

«Pur di far dimenticare la sua mascherina con l'effigie del l'irresponsabile che fra poco lascerà la Casa Bianca, Salvini si pavoneggia con una mascherina strumentalizzando persino uno dei simboli dell'antimafia che appartiene a tutti gli italiani», scrive su Twitter il portavoce nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni. «Che dire, con lui - conclude l'esponente di Leu - non c'è proprio mai limite al peggio e al grottesco».

Infine ha parlato ancora Salvini. «M5S e Pd mi criticano sempre. Se qualcuno riesce a fare polemica anche su una figura eroica come quella di Paolo Borsellino e sulla lotta alla mafia vuol dire che è fuori dalla storia», ha detto ai giornalisti all'ingresso dell'albergo delle Poverea Palermo che sta visitando con il presidente Nello Musumeci, riferendosi alle polemiche suscitate dalla mascherina con l'immagine di Borsellino.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA