Salone Nautico di Genova, per la 61° edizione è già tutto sold out

Lay Out Salone Nautico Genova
di Francesca Lodigiani
6 Minuti di Lettura
Lunedì 26 Luglio 2021, 16:05

“ Sold Out” è con questa parola magica che si apre la presentazione del 61° Salone Nautico di Genova in programma nel capoluogo ligure  tra il 16 e il 21 settembre.  Ed é un fiume in piena il Presidente di Confindustria Nautica Saverio Cecchi forte di un momento magico per la nautica italiana che vede un trend positivo del 20% e che lui vede come una motrice della ripresa italiana, non solo a livello produttivo, ma anche sotto il profilo del turismo e della cultura  grazie a quello nautico che ha a disposizione 8000 chilometri di coste 

L’Associazione che Cecchi presiede  ormai da due anni, non solo è riuscita a comporre vecchie ruggini e a riportare sotto un unico ombrello l’intero comparto della nautica, ma ha anche  allargato le imprese  che ne fanno parte, circa 600 oggi,  aggiungendo  l’8° e il 9° settore, ovvero quelli che riuniscono le reti di vendita, cioé i dealer,  e  gli operatori del charter. 

Alleati importanti del Salone di Genova, fattivamente al tavolo, sono il Sindaco Marco Bucci, tra l’altro appassionato di mare e velista, il che non guasta, il Presidente della regione Toti e quello dell’Autorità Portuale Signorini. E’ un coro che racconta con energia percepibile un progetto che punta, grazie alla visione del piano del waterfront  regalato alla città da Renzo Piano, a far sì che da qua al 2023, quando tutte le opere saranno ultimate, il Salone  Nautico  sia "il più bello del mondo” anche grazie alla sua centralità nella lunga passeggiata che collegherà la Lanterna alla Boccadasse cantata dai cantautori e non solo. 

Nel 2020 alla 60° edizione, il Salone di Genova fu l'unico  in Europa a mantenere  aperti i battenti grazie a  protocolli rigorosi – che quest’anno saranno rafforzati grazie al Green Pass -  che hanno permisero di svolgerlo in piena sicurezza. Un Salone che grazie al  coraggio, alle capacità organizzative  e al successo  nel 2020- lo ricordano l’Amministratore Delegato Carla Demaria e il Direttore Generale Marina Stella -  ha acquistato oltre che visibilità, grande considerazione e autorevolezza a livello internazionale. E la 61° Edizione promette  di fare un ulteriore balzo in avanti grazie anche alla prima parte di lavori in corso realizzati nell'area  che una volta ultimati nel 2023 con gli scavi del canale dietro al padiglione Nouvelt,  valorizzeranno ancora di più la  manifestazione.

 

Intanto già allo stato attuale del cantiere – l’area della Fiera oggi è un cantiere a cielo aperto dove minuettano le ruspe – la  61° edizione del Salone, spiega il Direttore Commerciale Alessandro Campagna, offrirà   il 14% in più di spazi a terra e il 19% in più di quelli in darsena. A  conferma di un Salone che favorisce sempre più le prove in mare. Il layout del 61° Salone Nautico propone anche quest’anno un  format multi-specialistico su una superficie di oltre 200.000 mq, con l’85% delle aree completamente all’aperto.  Le barche ospitate saranno più di 1000 e ad esse si sommeranno gli accessori, i motori, l’abbigliamento, le società di servizi e via elencando.  

Presenti tutti i brand dei MegaYacht, e quindi San Lorenzo, Azimut, e pure Ferretti che rientra. Confermati anche Benetti,GruppoFipa, Amer Yachts, Bluegame, Pardo Yachts, Rio Yachts e Sessa Marine e dall’estero Princess Sunseeker.  Oltre a Ferretti tornano a Genova anche  Baglietto, Cranchi Yachts, Absolute, Arcadia Yachts e Sirena Marine. 

Anche nel Sailing World conferme sia dall’Italia sia dall’estero con le ultime novità di Cantiere del PardoSolaris Yachts, Nautor’s SwanMylius Yachts, Vismara Marinee Italia Yachts. In passerella pure i cantieri francesi Beneteau, Jeanneau, Dufour, i tedeschi Bavaria Yachtse Hanse e i danesi di X-Yachts. Ancora in tema di “vela”, la banchina D sarà  interamente dedicata ai multiscafi con le presenze di Fountaine Pajot, BaliDufour e C-Catamarans, un settore di sempre maggiore successo tra il pubblico anche per la formula charter. 

Siamo in Liguria e non mancheranno i gozzi non solo di casa rappresentati dalle  ultime realizzazioni di Giorgio Mussini, Apreamare, Sciallino, Cantiere Patrone Moreno, Gozzi Mimì e Nautica Esposito che tengono  viva la tradizione del legno e dei maestri d’ascia.

Attenzione ai  motori fuoribordo che insieme  alle imbarcazioni pneumatiche occuperanno il piano terra del Padiglione B e  spaziano da Selva, a Honda, da Evinrude, a Yamaha a Suzuki. Mentre per i  gommoni saranno schierati Zar, Capelli, BWA, Ranieri International, Marlin Boats, Nuova Jolly, Joker, Master, Lomac, MV Marin, Mar.co. Protagonisti del piano superiore dello stesso Padiglione saranno inveceil mondo della componentistica e dell’accessoristica con tutti i protagonisti del Made in Italy tra i quali Veleria San Giorgio,  Osculati,  Besenzoni, Quick, , Foresti e Suardi, F.lli Razeto e Casareto, Uflex e Ultraflex, Gianneschi, Garmin, Furuno e Raymarine. 

Il Salone di Genova, tradizionalmente, è anche un momento importante per la vela agonistica, ma non solo. 

A partire dalla Millevele, in programma  sabato 18 settembre, la  bella veleggiata organizzata dallo Yacht Club Italiano. Ma la vera novità di quest’anno è, con partenza il16 settembre, giornata inaugurale del 61° Salone ,  la RoundItaly,la più lunga regata offshore non-stop del Mediterraneo: una navigazione non stop di  1.130 miglia fino a Trieste ( in ballo anche il record di percorrenza) con l’obiettivo di unire Genova a Trieste sede della famosa Barcolana. La regata, organizzata dallo Yacht Club Italiano e dalla la Società Velica di Barcola e Grignano, vede coinvolti  Confindustria Nautica, il Salone Nautico e la FIV. Nel 2020 la regata era stata solo online e aveva avuto un grande successo di partecipazione. Oggi come segno tangibile di volersi mettere il COVID alle spalle, oltre alla e –regata ci sarà anche quella reale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA