MIGRANTI

Richiedenti asilo, Consulta: escluderli dall'iscrizione all'anagrafe nuoce alla sicurezza pubblica e discrimina

Venerdì 31 Luglio 2020
Richiedenti asilo, Consulta: escluderli dall'iscrizione all'anagrafe nuoce alla sicurezza pubblica e discrimina

Escludere i richiedenti asilo dall'iscrizione all'anagrafe nuoce alla sicurezza pubblica perché finisce col limitare le capacità di controllo e di monitoraggio dell'autorità pubblica su persone che soggiornano regolarmente nel territorio statale, anche per lungo tempo, in attesa della decisione sulla loro richiesta di asilo. È quanto si legge nella motivazione della sentenza n. 186 depositata oggi (redattrice Daria de Pretis) con cui la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità dell'articolo 13 del primo «decreto sicurezza», n. 113/2018.

LEGGI ANCHE Decreti Sicurezza, c'è l'accordo per cambiarli: restano le multe alle Ong ma si torna al codice di navigazione

La Consulta spiega inoltre come negare l'iscrizione all'anagrafe a chi dimora abitualmente in Italia significa trattare in modo differenziato e indubbiamente peggiorativo, senza una ragionevole giustificazione, una particolare categoria di stranieri. 

 

Ultimo aggiornamento: 12:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA