A 15 anni vittima di ricatti sessuali sul web: le foto osè al fidanzato fanno il giro delle chat

Domenica 1 Dicembre 2019 di Nicoletta Gigli
A 15 anni vittima di ricatti sessuali sul web: le foto osè al fidanzato fanno il giro delle chat

Lei, 15 anni, ternana, si è fatta convincere. Non avrebbe mai immaginato che le sue foto osè destinate al fidanzatino sarebbero finite sugli smartphone di centinaia di persone. Quella relazione, molto pericolosa perché vissuta sul web invece che sulla panchina di un parco, dopo una delicata e complessa indagine degli investigatori della polizia postale, si è chiusa con un procedimento penale per sexting che vede indagato il destinatario delle foto erotiche. Che non ha esitato a “riversare” in chat e gruppi whatsapp le foto osè della minorenne, vantandosene con gli amici. La fortuna ha voluto che la 15enne sia stata messa in guardia da un’amica che ha ricevuto le sue immagini. A quel punto la famiglia è andata a denunciare tutto alla polizia postale.

Allarme degli avvocati dell'Ami a convegno: "Escalation adescamento minori e reati in rete"

«Ci siamo messi subito al lavoro per cercare di individuare gli autori di questa vicenda e poi per cercare di fermare la condivisione di quelle immagini sui gruppi web - conferma Sergio Russo, dirigente del compartimento polizia postale e delle comunicazioni per l’Umbria. Purtroppo cancellarle completamente dalla rete è molto complicato perché non sempre si riesce a tracciare tutte le condivisioni». La prevenzione e la divulgazione dei rischi che si corrono usando il web in modo superficiale è una delle attività messe in campo dalla polizia postale. «I ragazzi devono sapere che con i gruppi e le chat si perde il controllo - aggiunge Russo - e che quel che hanno messo in rete può arrivare in tante parti. Devono assolutamente evitare di condividere immagini anche a persone apparentemente fidate. Un compito fondamentale è affidato ai genitori, che devono conoscere e poi spiegare i rischi ai propri figli. L’attività di prevenzione che facciamo va in questa direzione».

Minaccia la ex di diffondere video sexy, arrestato per revenge porn

Il dato positivo è che in provincia di Terni quest’anno non si sono registrati casi di cyber bullismo e un ruolo lo ha sicuramente avuto l’attività di informazione e prevenzione. Dall’entrata in vigore della legge sul cyber bullismo la polizia postale ha tenuto, di concerto con l’istituto scolastico regionale, 80 incontri formativi ed educativi, raggiungendo 11mila studenti, mille e cinquecento insegnanti e 750 genitori sui temi del cyber bullismo e di un uso consapevole dei social. L’incontro più recente è di giovedì, quando la polizia postale e delle telecomunicazioni di Terni ha incontrato ben 120 studenti dell’istituto comprensivo di Narni Scalo per mettere in atto una strategia preventiva attraverso una serie di indicazioni ed un’opera di responsabilizzazione. Gli studenti sono stati messi in guardia dagli agenti sui rischi del web: «Tutte le attività compiute in rete possono avere conseguenze reali e i comportamenti tenuti online potrebbero far diventare i giovani autori di fatti a rilevanza penale». Tra gli argomenti al centro dell’incontro il “Revenge porn”, la nuova fattispecie che punisce la diffusione delle immagini erotiche senza il consenso delle persone in esse ritratte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma