Riaperture spiagge, Emilia Romagna le anticipa ma le discoteche restano chiuse

Giovedì 21 Maggio 2020
Riaperture spiagge, Emilia Romagna le anticipa ma le discoteche restano chiuse

Riaperture, per le spiagge ora si accelera per poter accogliere i turisti ma le discoteche restano chiuse. Ombrelloni distanziati e da prenotare, pulizie continue di docce e cabine, spiagge libere ma con accessi contingentati, steward accanto ai classici bagnini, nessun happy hour con buffet in spiaggia e soprattutto niente discoteche. Al tempo del coronavirus nemmeno le vacanze al mare saranno più le stesse: la parola d'ordine, dalla Emilia-Romagna alla Sicilia, sarà il rispetto del distanziamento sociale ma col fioccare di linee guida e protocolli non tutti i gestori balneari sono riusciti ad adeguarsi in tempo. E nonostante in alcune regioni sia stata anticipata la riapertura degli stabilimenti, per alcuni riaprire è ancora un miraggio.

Spostamenti tra regioni, oltre i confini solo per urgenza

Mamma di 40 anni muore con il Covid19: contagiata tutta la famiglia

È il caso dell'Emilia-Romagna. Inizialmente previsto per lunedì 25 maggio, l'avvio ufficiale della stagione balneare in riviera è stato anticipato a questo weekend, sabato 23 maggio. La Regione raccomanda di evitare concentramenti in alcune porzioni di spiaggia, lascia ai Comuni la possibilità di contingentare gli ingressi nelle spiagge libere e ribadisce le linee guida approvate che prevedono, tra le varie disposizioni, una superficie minima di 12 metri quadrati per gli ombrelloni (che a Rimini per decisione del Comune sarà di 18 mq), almeno un metro e mezzo tra lettini e sdraio, steward per la gestione dei clienti, pranzi in delivery, aree gioco per bimbi a «numero chiuso», prenotazioni anche online dell'ombrellone. Regole necessarie per scongiurare situazioni di «rimbalzo», per dirla col governatore Stefano Bonaccini, della curva epidemica, ma che non trovano pronti tutti i balneari.

A Rimini non tutti sono pronti ad aprire fra due giorni e le problematiche sono diverse, da qualche regola non ancora chiara ai prodotti per igienizzare ad esempio che tardano ad arrivare. La maggior parte però ce la mette tutta e promette: «Ci rialzeremo». Quello che è certo è che mancherà un pezzo da novanta della movida romagnola: gli happy hour, gli aperitivi a buffet, e soprattutto le serate nelle discoteche che, come in tutta Italia, per il momento restano serrate. Tanto che in alcune località, ad esempio a Jesolo in Veneto, c'è già chi si reinventa: alcune puntano a salvare la stagione trasformandosi in 'risto-bar', o 'risto-disco'. Resilienza. Come andare al mare quest'anno genera qualche ansia pure tra i potenziali turisti e molto dipende anche dalle diverse modalità di accesso e dalle specifiche regole previste nelle regioni. In Sardegna le attività turistiche che hanno a che fare con la balneazione avevano il permesso di riaprire dal 18 maggio, ma pochi hanno riaperto.

Quanto alle spiagge libere nell'isola si confida sulla responsabilità dei singoli. È il caso di Poetto, la spiaggia «dei centomila», punto di riferimento dai colori caraibici per i cagliaritani, che per il momento rimarrà libera e gratuita. Anche se, spiega il sindaco Paolo Truzzu, le distanze andranno rispettate. Come fare però non è ancora chiaro. In Liguria gli stabilimenti hanno potuto riaprire già lunedì 18, con spiagge libere accessibili al momento solo per passeggiare e dove si pensa di utilizzare chi ha il reddito di cittadinanza per fare lo steward. Potrebbero esserci una app e un sito per prenotare il posto in spiaggia. Nel weekend il segnale di via all'estate arriva in Veneto - apre la spiaggia comunale del Blue Moon al Lido di Venezia - e in alcuni stabilimenti di Toscana e Calabria anche se, in quest'ultimo caso, sul litorale catanzarese quasi nessuno ancora ha riaperto. In Puglia bisognerà aspettare ancora qualche giorno, dal 25 maggio, e quest'anno tra le regole anti-Covid sarà vietato pure «spostarsi» tra i lidi. Detta in altre parole: addio alle lunghe passeggiate sulla battigia. Una misura pensata per per garantire il tracciamento delle persone e il contenimento di eventuali focolai ma chi controllerà? Dal 25 maggio si riparte anche in Basilicata, mentre gli stabilimenti del litorale laziale potranno ripartire dal 29 maggio.

 

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 23:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani