Reddito di cittadinanza a boss e ricchi: la truffa (da 500.000 euro) scoperta nel Casertano

Reddito di cittadinanza a criminali o famiglie ricche: intascati 500mila euro nel Casertano
3 Minuti di Lettura
Sabato 10 Aprile 2021, 09:32 - Ultimo aggiornamento: 11 Aprile, 08:17

Camorristi con sentenze passate in giudicato e famiglie benestanti tra gli oltre cento furbetti del reddito di cittadinanza scoperti nel Casertano dai carabinieri su una platea sottoposta a verifica - peraltro provvisoria e destinata ad aumentare - di 3300 residenti. In totale l'importo non dovuto incassato dagli oltre cento percettori illeciti si aggira attorno ai 500mila euro. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni, fanno sapere dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Caserta. Oltre il 3% dei controllati è risultato percettore illegittimo del beneficio: tra questi camorristi condannati con sentenza passata in giudicato, nessun elemento di spicco dei clan tra loro, ma decine di criminali comuni. 

Ottengono 12mila euro di reddito di cittadinanza, ma sono già impiegati

A far la parte del leone soprattutto persone appartenenti a famiglie benestanti, non ricche, ma che non avrebbero mai avuto diritto al beneficio se non avessero falsificato i dati dichiarando per esempio di essere separati dalla moglie, proprietaria in un caso di un'azienda da oltre 100mila euro di fatturato; tanti anche i lavoratori in nero che percepivano il reddito di cittadinanza. Nel dettaglio ottantaquattro persone residenti nel Casertano sono state denunciate perché avrebbero percepito il beneficio senza averne titolo; altri 18 percettori sono stati invece segnalati all'Inps per la sospensione del beneficio, avendone perso diritto in quanto destinatari di misure cautelari personali o scoperti mentre prestavano attività lavorativa. Tra le posizioni emerse figurano cinque soggetti appartenenti o attigui alla criminalità organizzata e cinquantadue con precedenti per reati comuni.

Reddito di emergenza, a chi spetta (e come richiederlo): domande da oggi, fino a 840 euro al mese

Esame incrociato dei dati

Gli accertamenti, realizzati dai carabinieri del Comando Provinciale di Caserta, si sono sviluppati grazie all'esame incrociato tra i dati documentali e le risultanze acquisite nel corso di specifici servizi. È stato così possibile fotografare varie irregolarità nelle procedure di dichiarazione del possesso dei requisiti. In particolare, sono state rilevate e contestate la ricezione del reddito di cittadinanza pur in presenza di sentenze definitive di condanna per reati per i quali è invece prevista la decadenza del beneficio; la presentazione di false dichiarazioni relative a residenze fittizie allo scopo di nascondere gli altri componenti del nucleo famigliare percettori di reddito o titolari di beni immobili. E irregolarità, infine, da parte di cittadini stranieri o la mancanza del requisito dei 10 anni di residenza in Italia. Sono state ovviamente avviate le procedure per la sospensione e la revoca del reddito di cittadinanza. L'attività di controllo a tappeto dei percettori del reddito di cittadinanza eseguita dai carabinieri non è la prima realizzata nel Casertano; anche la Guardia di Finanza di Caserta, nel dicembre 2019, ne scoprì un'ottantina, tra cui lavoratori in nero, contrabbandieri e venditori abusivi «storici» che operavano nei pressi della Reggia vanvitelliana, ma anche pizzaioli, camerieri, baristi, cassieri, addetti ad autolavaggi, operai tessili e calzaturieri, magazzinieri e muratori; le somme percepite indebitamente all'epoca ammontavano a oltre 200mila euro.

Intascava i soldi del reddito di cittadinanza, ma aveva la fedina penale sporca: denunciata

© RIPRODUZIONE RISERVATA