Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

San Severo, Francesco Pio D'Augelli ucciso in strada. 15enne confessa: «Non volevo ammazzarlo»

Il quindicenne e la vittima avrebbero avuto un litigio già sabato scorso. Francesco ucciso da una coltellata al fianco

San Severo, Francesco Pio D'Augelli ucciso in strada. 15enne confessa: «Non volevo ammazzarlo»
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Luglio 2022, 14:06 - Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 07:26

Il 15enne che ha ucciso in strada a coltellate a San Severo (provincia di Foggia) Francesco Pio D'Augelli, di due anni più grande, ha confessato. «Ieri sera Francesco mi ha sferrato due pugni al volto, io ho afferrato il coltello che avevo e l'ho brandito, lui si è avvicinato a me ed rimasto ferito ad un fianco. Non volevo ucciderlo». È questo, in sintesi, quanto ha detto in due ore di interrogatorio.

La confessione

Il quindicenne, alla presenza del suo legale, ha risposto alle domande del pm del Tribunale per i minorenni di Bari, fornendo la sua versione dei fatti. Il ragazzino ha dichiarato di conoscere sia la vittima che la fidanzatina del 17enne, quest'ultima contattata sui social sette mesi fa. A quanto si apprende tra la ragazzina e il 15enne ci sarebbe stato anche qualche scambio di messaggi. Ma tutto sarebbe poi finito.

Il momento dell'omicidio

Stando al racconto del 15enne sabato sera lui e Francesco si sono incontrati in un lido a Marina di Lesina. Hanno avuto una discussione verbale in cui Francesco gli chiedeva contezza di quei messaggi. Poi ieri sera lo stesso D'Augelli - ha ricostruito il 15enne - gli avrebbe chiesto un appuntamento per parlare. Dall'interrogatorio è emerso che il 15enne a quell'appuntamento è andato armato di un coltello a serramanico acquistato online. La discussione sarebbe degenerata: Francesco D'Augelli avrebbe sferrato due pugni al 15enne colpendolo sotto l'occhio e alle labbra. A quel punto il reo confesso ha estratto il coltello che a suo dire brandiva solo per allontanare il 17enne. Dopo averlo ferito inavvertitamente al fianco si è allontanato, non pensava di averlo ucciso. Intanto, dopo essersi detto pentito ha anche consegnato agli inquirenti l'arma del delitto ed il telefono cellulare. Nelle prossime ore il pm potrebbe emettere il provvedimento di fermo per omicidio.

 

Pugile di Aprilia ucciso, la mamma: «Ditemi chi è stato, voglio giustizia»

Movente la gelosia

L'omicidio è avvenuto in via Lucera, nel comune di San Severo, a poche decine di metri dall'abitazione della giovane vittima. Dietro il delitto si nasconderebbero motivi passionali: pare la gelosia per una ragazzina, fidanzata del 17enne. A quanto si apprende il 15enne e la vittima avrebbero avuto un litigio già sabato scorso. In quella circostanza il presunto assassino avrebbe minacciato di morte il 17enne. Poi lunedì sera i due si sarebbero affrontati ancora. Francesco Pio D'Augelli dopo aver ricevuto la coltellata al fianco, ha percorso qualche decina di metri prima di accasciarsi al suolo. Sono stati alcuni passanti ad allertare i soccorsi, ma la vittima è arrivata in ospedale già priva di vita. Sono ancora in corso le ricerche dell'arma del delitto

© RIPRODUZIONE RISERVATA