La prof incinta dell'allievo di 14 anni alle amiche: «Visto come somiglia al ragazzino?»

Giovedì 14 Marzo 2019 di Simone Pierini
5
La prof incinta dell'allievo di 14 anni alle amiche: «Visto come somiglia al ragazzino?»

«Visto come somiglia al ragazzino?» chiedeva, orgogliosa, la professoressa 31enne ai conoscenti che la incontravano in strada, dopo il parto del suo secondo figlio. Il «ragazzino» è l'allievo al quale si era offerta di dare ripetizioni di inglese, in vista dell'esame di terza media. L'adolescente del quale lei, sposata dal 2007 e già madre di un bimbo di soli 4 anni più piccolo della sua «conquista», si era innamorata. Nel quartiere appena fuori Prato si rincorrono le voci, la gente bisbiglia e l'anonimato che fin qui ha tentato di proteggere i protagonisti di questo tsunami sembra non aver funzionato.

Sesso con la prof a Prato, la mamma del 15enne: «Ecco come ho scoperto che era diventato papà»

«Era lei a farci notare la somiglianza del neonato con lo studente che andava a fare lezioni a casa sua - racconta una donna -. Quel piccolino nato ad agosto, così chiaro, era diverso da tutti di loro. E lei non lo nascondeva, anzi». Nella città italiana con gli occhi a mandorla, la seconda al mondo dopo Los Angeles - dicono qui - per numero di cinesi, questa storia si sussurra. E un'onda che impietosa ha scosso gli animi tranquilli ma che non pare aver nemmeno sfiorato chi la famiglia della 31enne la conosceva. Quella ragazza che aveva scelto di intraprendere la professione della suocera, operatrice sanitaria a domicilio, che viveva per la famiglia che si era costruita giovanissima col matrimonio prima e la nascita del primogenito un anno più tardi, si sentiva una eterna adolescente.
 

«Della serie, 31 anni e non sentirli - scriveva sulla sua bacheca facebook a corredo di un selfie -. Penso che potrei sedermi a un banco di qualsiasi quarta liceo e non si accorgerebbero dell'intrusa». Quel ragazzino, forse, confermava il suo pensiero fisso: sentirsi ancora adolescente, nonostante la maternità precoce e una famiglia così apparentemente stabile. «Nulla è impossibile se ci credi», scriveva. Così ha portato avanti la gravidanza, restando con il marito che fino a pochi giorni prima del parto l'ha fotografata col pancione abbracciata al loro primo figlio. E che continua a restarle accanto, al punto da non andare a lavoro pur di non lasciarla sola nel clamore mediatico.

Ultimo aggiornamento: 15 Marzo, 08:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma