Processo Ruby, la giovane Fadil morta per aplasia midollare: via libera alla sepoltura

Mercoledì 4 Settembre 2019

La procura di Milano ha concesso il nulla osta alla sepoltura di Imane Fadil, la giovane testimone dei processi Ruby contro Silvio Berlusconi deceduta lo scorso 1 marzo all'Humanitas di Rozzano, dopo un mese di agonia in ospedale. Imane Fadil è morta per una aplasia midollare della quale, comunque, sono ancora in corso di accertamento le cause esatte. È quanto è stato spiegato in Procura a Milano dagli inquirenti che proprio oggi, dopo più di sei mesi dal decesso, hanno dato il nullaosta alla sepoltura. L'inchiesta, da quanto si è saputo, va verso l'archiviazione perché oltre all'ipotesi di morte per un avvelenamento doloso sono state escluse anche responsabilità mediche.

LEGGI ANCHE....> Imane Fadil, i primi esami: «Nessuna traccia di radioattività». Ora l'autopsia

Ultimo aggiornamento: 18:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma