CORONAVIRUS

Ilaria Capua: «Dal plasma convalescente rischi come epatite e choc anafilattico. Il vaccino? Non ci farà uscire presto dall'incubo»

Mercoledì 6 Maggio 2020 di Simone Pierini
Ilaria Capua: «Dal plasma convalescente rischi come epatite e choc anafilattico. Il vaccino? Non ci farà uscire presto dall'incubo»

«Funziona, ma ci sono rischi come epatite e choc anafilattici. E non si può usare a casa». Il plasma iperimmune come terapia di cura al coronavirus è ormai sulla bocca di tutti. Scienziati, politici, media. È divenuto anche argomento per i complottisti, convinti che non se ne parli perché non convenga alle case farmaceutiche. A questo treno ieri si è unito anche Matteo Salvini. La verità è che è in corso, presso il Policlino San Matteo di Pavia (da dove è partita) e al Carlo Poma di Mantova una sperimentazione, un trial, che tra pochi giorni dovrebbe fornire i primi risultati. E i progressi sono incoraggianti. Molti esperti però pongono dei limiti a questa cura. Ieri su La7 durante la trasmissione diMartedì ne ha parlato Ilaria Capua, direttrice dell’One Health Center University of Florida.

Sesso e Covid, gli esperti: «Baci più rischiosi dei rapporti. Evitare partner occasionali»

Virus, il virologo Silvestri: «Dal plasma convalescente buoni risultati. Covid19 in ritirata dall'Italia»

«La somministrazione di plasma è una pratica vecchissima, è stata una delle prime pratiche per combattere le malattie infettive - ha dichiarato la virologa -. Ancora oggi il veleno della vipera viene bloccato da un siero, la rabbia quando una persona è esposta al contagio si fa sia la sieroterapia che il vaccino. Però presenta dei rischi, non si usa molto».

«Non è che le malattie infettive si curano con il plasma - ha aggiunto Ilaria Capua - siccome è un prodotto di derivazione umana è un po' delicato dal punto di vista della regolamentazione. Perché gli emoderivati hanno dei rischi. È assolutamente è una procedura che funziona, ha sempre funzionato. I rischi sono l'epatite, gli choc anafilattici. Sono dei prodotti un po' delicati e quindi possono essere usati come estrema ratio in un caso che non risponde ad altro e che sta per lasciarci allora a quel punto si può utilizzare. Ha una funzione e si vedono i risultati però non è certo una cosa che si potrà utilizzare a casa».

Sulle sperimentazioni del vaccino la Capua frena: «Non sarà il vaccino che ci porterà fuori nell'immediato - ha spiegato - per fare vaccini sicuri ci vuole tempo e ci vuole attenzione».
 

 

 
 

 

Ultimo aggiornamento: 14:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA