CORONAVIRUS

Covid, il virologo Pregliasco: «Virus resterà fra le scatole, fondamentale la campagna vaccinale»

Lunedì 29 Marzo 2021
Covid, il virologo Pregliasco: «Virus resterà fra le scatole, fondamentale la campagna vaccinale»

Il virologo Fabrizio Pregliasco, in collegamento con la trasmissione 'Omnibus' su La7 ha detto: «Il covid rimarrà fra le scatole» ma sarà la capacità della vaccinazione di tenere basso il numero dei casi a permetterci di convivere con il virus e procedere con le riaperture.

Sarà con le varianti che dovremo fare i conti: quando ci sarà ampia vaccinazione il virus cercherà continuamente di trovare soggetti suscettibili e selezionerà varianti. «Esistono tante varianti» -aggiunge il virologo-, «però tre o quattro sono quelle che hanno caratteristiche poco piacevoli ed è importante studiarle».

Covid, raffreddore protegge per alcuni giorni dal virus «bloccando trasmissione e riducendo gravità»: lo studio di Oxford

Durante la trasmissione Pregliasco si è anche espresso sul monitoraggio delle varianti: «All'inizio ci siamo un po' persi rispetto ad altre nazioni come l'Inghilterra, ora li stiamo monitorando e tutto questo ci servirà per aggiungere precisione ai dati. In questo momento i politici sono su una graticola pazzesca. E' una guerra che finirà comunque male, perché siamo in una guerra». 

Covid, quando finirà? Pregliasco: «Liberi dal virus fra 7-13 mesi. Ma sarà dura»

Sono seguite poi dichiarazioni sull'obbligo vaccinale per gli operatori sanitari:  «Non vaccinarsi vuol dire essere imboscati, come in una guerra. A suo tempo i soldati venivano fucilati sul posto se non andavano alla guerra, era un meccanismo trucido e devastante». Il virologo ha poi aggiunto: «E' davvero l'elemento che fa pensare male la popolazione perché se il mio medico non si vaccina perché dovrei farlo io? In realtà è solo ignorante». 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA