Pavia, 27enne indiana sequestrata dai genitori per impedirle di frequentare il fidanzato

Mercoledì 3 Luglio 2019
5

Rinchiusa in casa e obbligata a farsi visitare da santoni: tutto per impedirle di frequentare il fidanzato, di nazionalità indiana come lei, i suoi familiari l'hanno segregata in casa, sottoponendola a pressioni psicologiche e contatti con santoni. Un sequestro che è avvenuto in un appartamento di Rivanazzano Terme (Pavia), in Oltrepò Pavese, nel quale vive il fratello.

Segregata per impedirle di vedere il fidanzato, la polizia libera 20enne indiana nel Mantovano

Grazie all'intervento dei carabinieri, la giovane, che ha 27 anni, è stata liberata ed ha potuto rivedere il suo ragazzo: i suoi familiari (padre, madre e fratello) sono stati tutti denunciati alla Procura di Pavia per i reati di sequestro di persona e violenza privata. Un'incredibile vicenda di violenza psicologica e sopraffazione, che però non è riuscita a piegare la volontà della 27enne di continuare la storia d'amore con il fidanzato. I due, adesso, sono tornati di nuovo insieme e potranno cercare di costruirsi un futuro: lo faranno probabilmente a Malta, l'isola nella quale vivono. E proprio da Malta, il luogo in cui lavora come infermiera, la 27enne indiana era arrivata nelle scorse settimane in Italia. 

Non appena è giunta nel nostro Paese, la giovane è stata condotta dai suoi genitori e dal fratello nella casa di Rivanazzano Terme ( Pavia). L'intento dei familiari era chiaro: non volevano più che frequentasse ancora il connazionale. La famiglia si opponeva fortemente a questa unione. Le indagini dei militari hanno permesso di appurare che i genitori giunti dall'India, insieme all'altro figlio che abita invece nel paese termale dell'Oltrepò Pavese, hanno privato la ragazza dei documenti personali e del telefono cellulare, sequestrandola in casa e non permettendole di uscire se non accompagnata. 

L'obiettivo della famiglia, perseguito attraverso pressioni psicologiche e anche con contatti con santoni indiani, era quello di farle dimenticare il fidanzato. Per la giovane sono stati giorni di sofferenza. A metà giugno però la ragazza, grazie al telefono cellulare del padre lasciato incustodito per qualche minuto, è riuscita a inviare un messaggio al fidanzato indiano a Malta, scrivendogli che era in Italia appunto a Rivanazzano Terme ( Pavia). E lui, appena giunto in Italia, ha chiesto aiuto ai carabinieri della stazione del comune oltrepadano. I militari, avviate immediatamente le indagini, hanno individuato l'appartamento in cui la 27enne era rinchiusa e finalmente l'hanno liberata. La ragazza, tornata in libertà, ha potuto riunirsi con il giovane in una località riservata: presto la coppia ritornerà a Malta.
 

Ultimo aggiornamento: 19:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma