Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morto il bimbo di 7 anni annegato in piscina mentre era in casa con la nonna: donati gli organi del piccolo Giuseppe

Morto il bimbo di 7 anni annegato in piscina mentre era in casa con la nonna: donati gli organi del piccolo Giuseppe
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 10:51

Non ce l'ha fatta il piccolo Giuseppe Corradengo di 7 anni. Il bimbo che nei giorni scorsi è caduto in piscina a Villagrazia di Carini nel Palermitano mentre si trovava in casa con la sorellina e la nonna è stato dichiarato morto. Il bimbo forse colto da malore è rimasto per diversi minuti a faccia in giù mentre stava giocando in piscina. Il bambino era stato soccorso dai sanitari del 118 e portato prima all'ospedale Villa Sofia e poi trasferito all'Ismett. Nonostante tutti i tentativi dei medici il piccolo non ce l'ha fatta.

Marta Pellizzi, 4 tumori al cervello e la battaglia con l'Inps per l'invalidità: chi è la 33enne che ha creato l'hashtag #iononmollo

Donati gli organi

La famiglia ha dato il consenso alla donazione degli organi. Dopo l'osservazione di legge per la morte cerebrale sono stati prelevato il fegato e i reni che saranno trapiantati in Emilia Romagna e in Lombardia a tre pazienti compatibili che erano in testa alle liste d'attesa. Sull'incidente è stata aperta una inchiesta. Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Carini coordinate dalla procura. I militari dovranno ricostruire le fasi di quello che sembra essere un incidente. Secondo le prime ricostruzioni, il bambino sarebbe stato in compagnia della nonna e della sorellina gemella. L'allarme è stato lanciato da un vicino che ha chiamato i soccorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA