CORONAVIRUS

Ora legale, lancette avanti tra sabato 28 marzo e domenica 29. Ma con il Coronavirus nessuno se ne accorge

Mercoledì 25 Marzo 2020 di Maria Rita Montebelli
Ora legale, lancette avanti tra sabato 28 marzo e domenica 29. Ma con il Coronavirus nessuno se ne accorge

L’arrivo dell’ora legale tra sabato 28 marzo e domenica 29, andrà in scena in un clima assai mesto. La pandemia di Coronavirus per il momento, ci ha privati anche di un orizzonte temporale. Volendo vedere il bicchiere mezzo pieno possiamo, però, dire che il Covid-19, oltre ad aver cancellato aperitivi e uscite serali, ci cancellerà anche i disagi (tra gli altri un’ora in meno di sonno) del passaggio all’ora legale. Il cosiddetto micro jet lag di inizio primavera.

LEGGI ANCHE Coronavirus e smart working , fate attenzione al mal di schiena

Disagi che, secondo alcuni esperti, sarebbero veri attacchi alla salute, tanto da invocare l’abolizione dell’ora solare. Perché l’ora legale manda fuori sincronia l’orologio biologico con effetti sui ritmi sonno-veglia e sulla vigilanza diurna. Beth AnnMalow, neurologa al Vanderbilt University Medical Center in Tennessee in un articolo su Jama Neurology sostiene che l’arrivo dell’ora legale si associ ad una contrazione di 15-20minuti nella durata del sonno aumentando il rischio di incorrere in gravi incidenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani