Open Arms: «Italia e Spagna diano i mezzi per garantire lo sbarco»

Lunedì 19 Agosto 2019
10
Open Arms: «Italia e Spagna diano i mezzi per garantire lo sbarco»

«Se davvero un accordo è stato trovato, è indispensabile che Italia e Spagna si assumano la responsabilità di garantire, mettendo a disposizione tutti i mezzi necessari, che queste persone finalmente sbarchino in un porto sicuro». Lo dice la Open Arms riferendosi alla possibilità di uno sbarco a Maiorca, in Spagna. «Che la Spagna e l'Italia si assumano finalmente la responsabilità di fornire assistenza e un porto sicuro alle 107 persone a bordo della nostra nave» sottolinea la ong in una lunga nota in cui ricostruisce tutta la vicenda.

LEGGI ANCHE Open Arms, dopo il no all'Andalusia la Spagna offre porto alle Baleari

«Ora, dopo 18 giorni di stallo, Italia e Spagna sembrano finalmente aver trovato un accordo, individuando Maiorca come porto di sbarco, decisione che ci appare del tutto incomprensibile - sottolinea la ong -. Con la nostra imbarcazione a 800 metri dalle coste di Lampedusa, gli stati europei stanno chiedendo a una piccola ong come la nostra, di affrontare 590 miglia e 3 giorni di navigazione, in condizioni metereologiche peraltro avverse, con 107 persone stremate a bordo e 19 volontari e volontarie molto provati che da più di 24 giorni provano a garantire quei diritti che l'Europa nega».
 

Di qui la richiesta a Italia e Spagna «di garantire, mettendo a disposizione tutti i mezzi necessari, che queste persone finalmente sbarchino in un porto sicuro». «È urgente porre fine subito a questa situazione disumana inaccettabile - conclude Open Arms - che le persone che abbiamo salvato in mare sono costrette a vivere».

Ultimo aggiornamento: 17:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani