Omofobia, a processo Pillon, senatore della Lega. L'Arcigay: «Ha detto che adeschiamo minorenni nelle scuole»

Simone Pillon
1 Minuto di Lettura
Martedì 9 Aprile 2019, 17:06 - Ultimo aggiornamento: 17:09

È accusato di diffamazione il senatore della Lega Pillon per il quale è attesa giovedì la sentenza del giudice monocratico di Perugia: a denunciarlo il circolo della comunità gay del capoluogo umbro Omphalos. 

Simone Pillon è finito sotto processo per alcune affermazioni fatte nel 2014 nel corso di un ciclo di conferenze del forum delle famiglie, relative alla partecipazione di Omphalos a un'assemblea in una scuola superiore di Perugia sul tema dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere. Lo scrive oggi Repubblica. 

LEGGI ANCHE: Dopo lo scontro sul convegno di Verona, i 5S bloccano il disegno di legge Pillon

L'intervento di Pillon era finito su Internet e il circolo gay perugino lo aveva denunciato ritenendo che gli appartenenti fossero stati additati come una sorta di istigatori all'omosessualità. Di qui il processo per il quale giovedì sono in programma la discussione e quindi la sentenza. Il senatore Pillon nega comunque di avere indicato gli appartenenti a Omphalos come adescatori di minorenni.

«Ho la massima fiducia nella giustizia» ha sottolineato con l'Ansa attraverso uno dei suoi difensori, l'avvocato Laura Modena. Pillon rivendica le sue affermazioni e le critiche all'iniziativa del circolo gay.

© RIPRODUZIONE RISERVATA