Luigi Cossellu, chi era il 27enne no vax morto perché si è strappato il casco dell'ossigeno in ospedale. Anche il padre è grave

Luigi Cossellu, chi era il 27enne no vax morto perché si è strappato il casco dell'ossigeno in ospedale. Anche il padre è grave
3 Minuti di Lettura
Domenica 23 Gennaio 2022, 11:32 - Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio, 19:42

Sul suo profilo Facebook scorrono i messaggi degli amici: «Eri sempre sorridente, nessuno mai è riuscito a toglierti il sorriso e spero che anche lassù sarai sempre così».  Luigi Cossellu, aveva 27 anni e non pensava davvero che sarebbe morto di Covid. Quel virus per cui non era vaccinato e di cui aveva sempre negato la pericolosità. Fino alla fine. Tanto da strapparsi il casco in ospedale quando per lui ormai la situazione era disperata. E' morto così all'ospedale Goretti di Latina nel reparto di Terapia Intensiva Covid. «Quando il paziente, convinto no vax, è arrivato all’ospedale di Terracina aveva già bisogno del casco ed era in condizioni critiche. Se lo era strappato via ma i medici ci hanno parlato e lo hanno convinto a rimetterlo — racconta il direttore generale della Asl di Latina, Silvia Cavalli —. Quando i no vax giungono in ospedale non sono mai ai primi sintomi. Sono già gravi perché c’è da parte loro la negazione della malattia».

Variante Delta uccide ancora, vittime anziani e no vax (anche 40enni). L'Iss: per loro letalità 33 volte più alta

Condizioni disperate

Il 16 gennaio era arrivato al pronto soccorso di Terracina, dove gli era stata diagnosticata infezione SarsCov2 e insufficienza respiratoria grave. Il giorno successivo era stato trasferito all'ospedale Goretti di Latina nel reparto di Terapia Intensiva Covid, ma le sue condizioni si erano ulteriormente aggravate, fino ad arrivare al decesso avvenuto ieri. Secondo quanto afferma l'Unità di crisi Covid della Regione Lazio, «anche il padre del giovane di Terracina deceduto, è attualmente ricoverato in gravi condizioni ed è intubato. L’uomo di 55 anni, come il figlio, non è vaccinato».

Luigi era un appassionato di pesca. Sui social scorrono le foto di lui mentre mostra orgoglioso il suo bottino appena pescato. E proprio su quelle pagine continuano ad arrivare messaggi di cordoglio alla famiglia del ragazzo di Latina. «Ad oggi c'è ancora chi dice che il Covid non esiste, che è solo un influenza, che spero che mi venga così prendo il Greenpass, intanto persone nel mondo muoiono, gli amici muoiono, nonni, papà, ragazzi e amici portati via dal Covid. Ditelo alle famiglie che hanno perso un parente caro»

© RIPRODUZIONE RISERVATA