Nigeriano richiedente asilo aggredisce un poliziotto a Vicenza e gli frattura una mano

Sabato 24 Agosto 2019 di Luca Pozza
19
Nigeriano richiedente asilo aggredisce un poliziotto a Vicenza e gli frattura una mano

VICENZA - Ha fratturato la mano ad un poliziotto durante una colluttazione, ma alla fine è stato bloccato e arrestato. Protagonista della vicenda, avvenuta nel pomeriggio di ieri, a Campo Marzo a Vicenza, in via Verdi, Clement Irabor, 26 anni, nigeriano, nei confronti del quale le manette sono scattate per spaccio di droga, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Lo straniero, richiedente asilo in Italia dal 2016, era già stato segnalato per comportamenti violenti in una comunità di accoglienza di Frosinone e denunciato per reati contro la persona, al punto che gli era stato revocato il permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Bloccato straniero sospetto, nello zaino cinque chili di droga

Irabor nascondeva palline di eroina e cocaina nelle tasche dei pantaloni e in bocca. Per questo motivo, quando attorno alle ore 15 è stato fermato da una pattuglia della Squadra Volanti a Campo Marzo, insospettita dai suoi atteggiamenti, è fuggito in sella ad una bici. Una volta bloccato dagli agenti, però, ha reagito in maniera violenta arrivando a spaccare con un calcio la mano ad un poliziotto, che ha riportato la frattura del metacarpo: trasportato al pronto soccorso, gli sono stati diagnosticati 30 giorni di prognosi.

Torino, poliziotti accerchiati da nordafricani durante controlli: nigeriano arrestato

Una volta  bloccato il nigeriano ha tentato di divincolarsi, sputando le palline di droga che aveva in bocca e tentando di sfilare a uno di loro la pistola d'ordinanza dalla fondina, ma alla fine è stato "placcato" anche da altri poliziotti, che a loro volta hanno riportato contusioni non gravi. Oltre alle palline che teneva in bocca Irabor aveva addosso altra droga (4,22 grammi di eroina e 3,64 cocaina), che è stata sequestrata, assieme a tre cellulari. Processato per direttissima questa mattina in Tribunale a Vicenza, il 27enne è stato condannato a un anno e otto mesi di reclusione (pena sospesa).

 

Ultimo aggiornamento: 25 Agosto, 13:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma