Covid, neonata positiva dopo le vacanze ricoverata a Vicenza: i genitori non sono vaccinati

Vicenza, neonata di un mese e mezzo ricoverata per Covid dopo le vacanze: i genitori non sono vaccinati
3 Minuti di Lettura
Sabato 21 Agosto 2021, 20:07 - Ultimo aggiornamento: 20:32

Una neonata di un mese e messo è tornata dalle vacanze all'estero con i genitori e ora si trova ricoverata all'Ospedale di Santorso di Vicenza perché positiva al Covid. La piccola si trova nello stesso reparto di un'altra bimba, di circa 7 mesi, ricoverata per lo stesso motivo e al momento ancora sotto osservazione. Si tratta quindi del secondo caso all'interno della struttura sanitaria dell'Ulss 7 Pedemontana. Secondo le stesse fonti sanitarie, così come la prima bambina, anche i genitori della neonata non erano vaccinati. 

Non vaccinati o con una sola dose: ecco il profilo dei morti Covid in Italia delle ultime settimane

Iss, 700mila casi Covid tra gli under 19 da inizio pandemia

Dall'inizio dell'epidemia in Italia sono stati 700.985 i casi Covid tra i bimbi e tra i giovanissimi (0-19 anni); 31 le vittime di cui 6 sotto i tre anni. Questi i dati aggiornati al 18 agosto e contenuti nel documento esteso del monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di sanità pubblicato oggi sul sito Epicentro.

Incinta, non si vaccina e si contagia: parto prematuro a Napoli, gravi mamma e bambino

In particolare, la maggioranza dei casi Covid nelle fasce più giovani, da inizio epidemia sono stati registrati nella fascia 14-19 anni con 291.860 casi, poi la fascia 11-13 con 124.857 casi; 6-10 anni con 161.40, 3.5 anni con 68.836 casi Covid e infine sotto i tre anni con 54.022 casi di infezione Covid. Per quanto riguarda le giovani vittime del Covid, 6 da inizio epidemia avevano meno di tre anni, 4 tra i 3 e 5 anni, 6 tra 6 e 10 anni, 7 tra 11 e 13 anni e 8 tra 14 e 19 anni.

Covid Italia, Iss: contagi in crescita negli over 40, tasso decessi 8 volte più alto negli over 80 non vaccinati

L'Iss mette poi in evidenza che «come ormai ben noto, si osserva che la letalità del Covid-19 cresce con l'aumentare dell'età dei pazienti ed è più elevata nei soggetti di sesso maschile a partire dalla fascia di età 30-39 anni».

​Variante Delta, ecco perché è più pericolosa e infettiva: la mutazione che aiuta la super-diffusione. Studio su Nature

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA