COVID

Torino, parto cesareo durante un'operazione al cervello: salve madre e figlia

Venerdì 5 Febbraio 2021
Torino, le praticano il parto cesareo durante un'operazione al cervello: salve madre e figlia

Una donna incinta alla 35esima settimana ha partorito mentre la stavano operando al cervello. Il fatto è accaduto all'ospedale Molinette di Torino, dove la paziente era stata ricoverata per un intervento neurochirurgico d'urgenza per un adenoma ipofisario sanguinante, un piccolo tumore benigno nella scatola cranica, che rischiava di farle perdere la vista. Alla donna è stato praticato il parto cesareo: lei e Beatrice - questo il nome scelto per la bimba - stanno bene. Nata di due chili e 185 grammi, la neonata è stata affidata alle cure del neonatologo Mauro Vivalda della Terapia Intensiva Neonatale, che ne ha accertato le buone condizioni nonostante la nascita prematura. Presto potrà riabbracciare la mamma.

Ospedale di Perugia, mesi per interventi e visite: il dramma dei pazienti non Covid

Il fatto

La paziente era ricoverata già da qualche giorno presso l'ospedale ginecologico Sant'Anna a causa di un rapido calo della vista. Le indagini radiologiche avevano portato alla luce la presenza di un adenoma che, sanguinando, le comprimeva i nervi ottici. La decisione di procedere ai due interventi è stata di Francesco Zenga, il neurochirurgo responsabile della neocostituita Struttura Chirurgia del Basicranio e Ipofisaria del Dipartimento di Neuroscienze, e dalla professoressa Silvia Grottoli, specialista della Endocrinologia.

La paziente è stata quindi prima sottoposta al parto cesareo, e dopo la nascita il team di medici ha proseguito con l'intervento alla testa, che è avvenuto con una tecnica mini-invasiva endoscopica attraverso il naso. Un risultato importante - anche considerando le difficoltà in tempo di pandemia da Covid - che è stato raggiunto grazie alla collaborazione tra cinque Dipartimenti e due ospedali della Città della Salute di Torino.

Palermo, mamma e figlio morti durante il parto in ospedale: la Procura apre un'inchiesta

© RIPRODUZIONE RISERVATA