Neonata positiva alla cannabis finisce in ospedale, il malore della piccola di 10 mesi mentre era a casa con la nonna. Indagini dei carabinieri

Bologna. Durante la perquisizione della casa dei genitori e della nonna non è stata trovata alcuna sostanza "sospetta"

Neonata positiva alla cannabis finisce in ospedale, il malore della piccola di 10 mesi mentre era a casa con la nonna. Indagini dei carabinieri
2 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Novembre 2022, 19:08 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 09:35

Neonata positiva alla cannabis. I carabinieri di Bologna, coordinati dalla Procura, hanno avviato le indagini per lesioni personali aggravate, per risalire alle responsabilità legate a un'intossicazione patologica da droghe che ha interessato una bambina di 10 mesi.

Arrestato barista-pusher caffè e cocaina ai clienti

Neonata positiva alla cannabis

Gli accertamenti sono cominciati nella serata di sabato, quando i sanitari del pronto soccorso pediatrico dell'ospedale Maggiore di Bologna hanno informato i militari che una bambina di 10 mesi era stata trovata positiva ai cannabinoidi nel corso di una visita. La piccola era stata portata in ospedale in seguito a un malore che aveva accusato mentre si trovava a casa con la nonna. Accompagnata nella struttura sanitaria dai genitori, la bambina è rimasta in osservazione con una prognosi di sette giorni per intossicazione patologica da droghe.

Le perquisizioni

I carabinieri hanno eseguito una perquisizione domiciliare a carico dei genitori e della nonna, tutti italiani e incensurati, e le operazioni non hanno consentito di trovare sostanze stupefacenti collegate al malore che ha interessato la bambina, né altre sostanze "sospette". Le indagini per accertare eventuali responsabilità sono ancora in corso. 

Nessun indagato

Al momento non ci sarebbero indagati nel fascicolo aperto sulla vicenda. La neonata, le cui condizioni sono in via di miglioramento, non ha fratelli o sorelle e non risulta frequentare un asilo nido. Sono in corso accertamenti per capire dove e in che modo abbia assunto la cannabis, che potrebbe avere inalato oppure ingerito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA