Napoli, rapinata al distributore di sigarette: il ladro la trascina con l'auto per decine di metri

Napoli, rapinata al distributore di sigarette: il ladro la trascina con l'auto per decine di metri
di Giuseppe Crimaldi
4 Minuti di Lettura
Domenica 24 Ottobre 2021, 09:52

Violenza inarrestabile a Napoli. Una ragazza viene avvicinata e aggredita da un uomo che le strappa la borsa, scaraventandola a terra. La donne riesce a rialzarsi, insegue il malvivente fino ad afferrarlo mentre entra nella sua auto, ma l’uomo non esita a mettere in moto e a fuggire a folle velocità, trascinando la vittima per decine di metri, fino a quando poi non molla la presa. Ancora una volta facciamo la sintesi di una storia che solo per un caso non è finita tragicamente: per la vittima solo escoriazioni e contusioni, fortunatamente se l’è cavata. Ma sarebbe potuto andare molto peggio. 

Lite in officina nel Crotonese, spara e uccide l'ex dipendente Salvatore Silipo: arrestato il gestore di 70 anni

L’azione violenta si consuma due sere fa in via Carlo De Marco, zona Arenaccia, non lontano dall’ingresso della tangenziale del corso Malta. Ma meglio delle parole a descrivere la dinamica dei fatti sono le immagini registrate da due telecamere di sicurezza di un negozio: è una tabaccheria che ha ormai chiuso i battenti da ore, lasciando in funzione il distributore automatico di sigarette. 

Proprio lì si ferma la donna, da sola e giunta a piedi, per inserire documenti e monete per comprare un pacchetto. All’improvviso si materializza il rapinatore, che probabilmente seguiva già a piedi la vittima “facile” da puntare, essendo donna, giovane e dunque fragile. Le condizioni sono ottimali, anche perché la strada appare deserta. L’aggredisce alle spalle e in un attimo riesce a strapparle la borsa. La vittima, sbalzata dalla forza di quell’uomo grosso e corpulento (che è a volto scoperto), dopo un attimo di choc riesce però a inseguire il bandito, che svolta l’angolo e riesce a catapultarsi nella sua macchina. 

Video

E qui iniziano i secondi più concitati e drammatici. La ragazza nell’estremo tentativo di recuperare la borsa riesce ad aggrapparsi allo sportello ancora aperto, lato conducente, e non molla la presa anche quando l’aggressore non esita a ingranare la marcia partendo a forte velocità. La tensione dura quasi dieci secondi: un tempo interminabile nel quale la giovane viene trascinata sull’asfalto. Fino a quando non cede: molla la presa e cade in strada. 

Per un attimo, ma solo un attimo, il guidatore accenna ad una frenata, ma poi - quando si accorge che stanno arrivando altre auto, riprende la sua folle corsa e fugge via. Non sarà difficile identificarlo: le fasi della violenza sono integralmente documentate dai fotogrammi di quel video - che è stato diffuso dal consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Borrelli - senza contare che l’uomo ha agito a volto scoperto e si vede anche la sua macchina bianca alla quale non dovrebbe essere difficile risalire per un particolare: sugli sportelli spiccano le insegne di una pubblicità, tipo quelle delle macchine di servizio di alcune aziende o dei taxi. Le immagini sono già in possesso delle forze dell’ordine, che indagano per dare un nome al volto di quel delinquente.

A proposito di forze dell’ordine e delle notizie: anche stavolta l’incredibile aggressione di via De Marco è stata taciuta ai giornalisti, in un esasperante quanto inconcepibile e soprattutto incomprensibile silenzio su gravi fatti che accadono in pubbliche strade da parte di polizia e carabinieri. Il diritto di cronaca, ricordiamolo, è un diritto costituzionalmente protetto in quanto riconducibile all’articolo 21 della Costituzione, che tutela e garantisce le libertà di manifestazione del pensiero. «Dobbiamo dare massima diffusione al video registrato dalle telecamere di quella tabaccheria - commenta Borrelli - Lascia sconcertati tanta ferocia, e l’aggressore deve essere assicurato al più presto alla giustizia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA