ULTIMA ORA

Napoli, assalto a portavalori a Giugliano: sparatoria tra la gente davanti a una banca e panico

Mercoledì 23 Settembre 2020
Napoli, assalto a portavalori a Giugliano: sparatoria tra la gente davanti a una banca e panico

Grida e fuggi fuggi, gente che cerca rifugio nei negozi mentre in piazza si spara. Giugliano, ore 11. È in questo grosso centro della periferia nord di Napoli con numeri da capoluogo di provincia, che va in scena il far west in pieno giorno. A sparare sono tre individui in tuta mimetica, quelle di tipo paramilitare. Volto coperto, i tre stanno attendendo in piazza Annunziata l'arrivo di un furgone portavalori della Cosmopol che deve fare una consegna alla vicina filiale di banca Unicredit.
 

Sparatoria


Hanno con loro un'arma lunga non meglio identificata e quando il furgone arriva, sono le 11,20, fanno per mettersi in azione. A bordo del furgone blindato ci sono tre guardie giurate. Quando una di loro scende per fare da apripista si accorge dei tre e si insospettisce. Risale a bordo e invita il collega a sgommare via. Dai rapinatori partono alcuni colpi di arma da fuoco. Due di questi raggiungono la fiancata sinistra del furgone provocando altrettanti fori ma per fortuna nessuno raggiunge i vigilantes. Alla fine saranno quattro i bossoli trovati a terra dalla Polizia Scientifica giunta da Napoli che ne sta analizzando il calibro. Il furgone non arresta la sua corsa e raggiunge il locale commissariato di Polizia. Si danno alla fuga anche i malviventi, a bordo di un'auto cui adesso si dà la caccia. Sul posto, nel frattempo, arrivano gli uomini della squadra Mobile della Questura di Napoli e quelli del commissariato di Giugliano cui sono affidate le indagini che dovranno accertare anche eventuali complicità con i banditi. Possibile il ricorso ad alcune videocamere presenti in zona.
 

La paura


Giuseppe Alviti, leader dell'associazione nazionale delle guardie particolari giurate, lancia l'allarme:. «È allarme rosso - sostiene - per il settore della vigilanza privata, in particolar modo per i trasporti valori ma sembra che io sia rimasto il solo ad importarsi di una categoria rassegnata alla macelleria sociale. Le rapine con feriti e morti tra le guardie particolari giurate - sottolinea - si susseguono con ciclicità allarmante e nessun ente interviene anche e sopratutto per monitorare se gli istituti si attengono ai protocolli di operatività e salvaguardia dell'incolumità dell'equipaggio. Probabilmente - conclude con amara ironia - stanno aspettando che il numero di morti ammazzati salga». 

Sgominata la banda dell’Audi, scattano tre arresti

Napoli, donna muore investita da uno scooter: fermato il pirata della strada. «Ho avuto paura»


 

Ultimo aggiornamento: 19:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA