Nozze trash della vedova del boss: indaga la procura. Il neomelodico: «Il Comune sapeva tutto»

Sabato 30 Marzo 2019
3
Nozze trash della vedova del boss a Napoli: indaga la procura. Sotto la lente anche addio al nubilato

La Procura di Napoli sta indagando sulle nozze trash tra il noto cantante neomelodico Tony Colombo e la vedova di Gaetano Marino, boss del clan degli scissionisti ucciso in un agguato il 23 agosto del 2012 sul lungomare di Terracina nell'ambito della faida di Secondigliano. I carabinieri si sono recati negli uffici del Comune, a Palazzo San Giacomo, del comando della polizia locale e di due Municipalità per acquisire tutti i documenti le istanze e permessi richiesti per usufruire di spazi comunali per festeggiare le nozze. Perché appare inverosimile che nessuno sapesse di quella cerimonia così sfarzosa, con tanto di carrozza e cavalli.

«Posso confrontarmi con l'assessore Clemente e con il sindaco De Magistris su tutto quello che vogliono. Ho ringraziato il Comune di Napoli per la gentile concessione alla fine del video del mio nuovo singolo. Vi pare che uno come me, abituato ad organizzare concerti, feste, etc., non fa i permessi?». Così Colombo replica alle dichiarazioni dell'amministrazione comunale sugli abusi che avrebbe commesso e sulla mancanza di autorizzazioni per le sue sfarzose nozze con la vedova del boss Gaetano Marino, celebrate il 28 Marzo al Maschio Angioino di Napoli.

«Tra l'altro - aggiunge il cantante - il sindaco De Magistris aveva manifestato l'intenzione di officiare il mio matrimonio, poi ha comunicato che in quella data avrebbe avuto altre cose da fare». «Guarda caso - prosegue Capuozzo - le polemiche sui permessi per la realizzazione del flash-mob sono venute fuori il giorno del mio matrimonio. A scoppio ritardato! Io mi sono sposato il 28 marzo, il flash-mob a piazza del Plebiscito è stato realizzato il 25 marzo. Sono passati tre giorni in cui sui social e sui giornali si parlava in modo favorevole di questa mia iniziativa». «Il pregiudizio - aggiunge il cantante - è anche a monte dello spostamento della manifestazione “Cento passi per il 21 marzo in altra sede. «Ci tengo a puntualizzare - conclude Tony Capuozzo - che da tempo si sapeva che il mio matrimonio sarebbe stato officiato al Maschio Angioino. L'assessore Clemente ha dichiarato ai giornali di essere stata avvisata la sera prima. Deduco che c'è un difetto di comunicazione interna al Comune e che l'assessore non legge giornali e contenuti social che da mesi riportavano la notizia».

LEGGI ANCHE Star neomelodica sposa la vedova del boss: città in tilt per il corteo nuziale, ira De Magistris

Il matrimonio tra il cantante e Tina Rispoli, celebrato nel Castel Nuovo, è stato preceduto da un addio al nubilato in piazza del Plebiscito, protrattosi fino a tarda ora, successivamente sanzionato per oltre duemila euro dall'amministrazione comunale partenopea «per mancanza di licenza di esercizio per il pubblico spettacolo e per assenza di nulla osta per l'impatto acustico».

Per la festa, inoltre, è stato anche allestito un palco abusivo. E anche per questo è stata elevata sanzione. Tra le violazioni figurano anche il passaggio di una carrozza tirata da cavalli e preceduta da giocolieri lungo corso Secondigliano che avrebbero intralciato la circolazione stradale.

Ultimo aggiornamento: 31 Marzo, 11:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani