Napoli, neonato in arresto cardiaco bloccato nel traffico: carabinieri lo "scortano" in ospedale e i medici gli salvano la vita

Era arrivato a Villa Betania con il cuore che non batteva più

Napoli, neonato in arresto cardiato bloccato nel traffico: carabinieri lo "scortano" in ospedale e i medici gli salvano la vita
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Dicembre 2022, 14:45 - Ultimo aggiornamento: 20:00

Un neonato è finito in arresto cardiaco a Napoli, ma i genitori non riuscivano ad arrivare all'ospedale per via del traffico. Sono intervenuti i carabinieri, che hanno aiutato la coppia a portare il piccolo dai medici. Il loro figlio era in gravi condizioni, sul punto di morire. L'episodio è accaduto nella serata di ieri poco prima delle 20 in via Chiaromonte.

Napoli, sulle auto multe false con Iban vero: così i soldi finivano nelle tasche dei truffatori

Carabinieri aiutano una coppia ad arrivare all'ospedale 

Il bimbo, appena un anno, ha perso i sensi. Per la coppia e il neonato è iniziata la corsa verso l’ospedale più vicino. In auto, con il piccolo tra le braccia della madre e con il padre che suonava in continuazione il clacson cercando di spingere più in là le altre macchine che si frapponevano. Ma il traffico stava rischiando di trasformare quel salvataggio in un tentativo inutile. Proprio nel momento più disperato, all’improvviso è comparsa una gazzella dei carabinieri. I militari, anche loro genitori, hanno immediatamente compreso cosa stava accadendo.

La corsa all'ospedale

L’auto dei carabinieri ha fatto da apripista, a sirene spiegate, al veicolo con a bordo il bambino. La corsa diventa finalmente veloce, nel traffico si apre un varco che subito viene imboccato. Fino a quando i militari non riescono a scortare l’auto del bambino fino a Villa Betania. Qui, il neonato viene preso in cura dai sanitari. I medici lo intubano al pronto soccorso, ma il cuore si è fermato. Un massaggio cardiaco disperato. Poi la gioia di sentire nuovamente quel pianto, perché il bimbo è ancora vivo. Con i sanitari che confermano: un solo minuto in più e sarebbe morto. Poi sono solo lacrime e abbracci di felicità. Tra i genitori, i medici e i carabinieri per il più bel regalo di Natale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA