ULTIMA ORA

Made in Sud, indagati i patron: «Fatture false per rilevare il Teatro Diana di Napoli»

Martedì 6 Ottobre 2020
Made in Sud, indagati i patron: «Fatture false per rilevare il Teatro Diana di Napoli»

Napoli, indagati i patron di Made in Sud: «Fatture false per rilevare il Teatro Diana di Napoli». Attraverso l'emissione e l'utilizzo di fatture false si sarebbero procurati il denaro per rilevare le quote della società Teatro Cilea srl, che gestisce il noto teatro napoletano del Vomero: il nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli sta eseguendo otto decreti di perquisizioni disposti dalla Procura di Napoli a carico di altrettante persone che lavorano nel settore della produzione di spettacoli teatrali e televisivi tra le quali figurano anche i noti imprenditori Ferdinando Mormone e Mario Esposito, ritenuti i patron della trasmissione televisiva «Made in Sud».

Stasera in tv, Carta Bianca su Rai3: Mauro Corona torna? Solo alle condizioni di Bianca Berlinguer

Ballando con le Stelle, Alessandra Mussolini cade durante le prove: ricoverata in una clinica romana

 

Venti indagati

Complessivamente sono venti le persone iscritte nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta che mira ad accertare una serie di reati fiscali commessi, secondo gli investigatori, tra il 2015 e il 2019. L'acquisizione della società che gestisce il Teatro Cilea del Vomero da parte delle società Tunnel Produzioni srl e Red Carpet srl, entrambe riconducibili a Mormone ed Esposito, risale al 2018. Un'operazione alla quale, secondo i finanzieri, avrebbe dato un contributo determinante anche l'imprenditore Luigi Scavone, socio di minoranza dell'Alma srl (le sue quote sono attualmente sotto sequestro), coinvolto in una maxi evasione fiscale e già condannato in primo grado per reati tributari.

Le perquisizioni sono frutto di attività condotte dalle fiamme gialle lo scorso 5 marzo, in pieno lockdown, finalizzata a fare luce sulle attività fittizie di alcune società cosiddette cartiere, attraverso le quali venivano emesse fatture (anche elettroniche) per operazioni inesistenti. Il denaro frutto delle attività illecite sarebbe poi stato reimpiegati in attività economiche e immobiliari.

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 10:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA