Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, uccide l'amico e trasporta il cadavere sullo scooter come un pacco

Il presunto killer e la vittima era stati insieme in un negozio a Nola e poi in un'abitazione a Scisciano

Napoli, uccide l'amico e trasporta il cadavere sullo scooter come un pacco
2 Minuti di Lettura
Sabato 18 Giugno 2022, 19:45 - Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 19:59

Un cadavere trasportato sul sedile dello scooter, dietro. Un rumeno di 48 anni passa a tutto gas con il suo motorino e viene immortalato dalle telecamere di sorveglianza che ora lo inchiodano. Sul sedile, dietro a lui, trasporta il cadavere dell'amico appena ammazzato. È un video choc quello in mano ai carabinieri che indagano su questo omicidio. 

La ricostruzione - Prima erano andati in un negozio assieme, poi lo avrebbe ucciso e avrebbe trasportato il cadavere in un sacco di plastica. Trasportato come un oggetto, come un pacco. Il cadavere appare avvolto da un telo di plastica e messo sul portapacchi dello scooter. Il corpo sarebbe stato abbandonato in seguito in un terreno del comune di Scisciano, in provincia di Napoli.

Ora il gip del Tribunale di Nola ha convalidato il fermo emesso dal pm, ed eseguito dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della stazione di San Vitaliano, nei confronti di un romeno di 48 anni, Florin Sitariu.

È gravemente indiziato dell'omicidio del connazionale 54enne Georghe Paraschiv, trovato cadavere nelle campagne di Scisciano il 4 giugno scorso, nascosto dentro sacchi di plastica. Le indagini - spiegano i Carabinieri - hanno consentito di documentare, anche attraverso i numerosi filmati di videosorveglianza acquisiti che Sitariu, dopo essere stato in un negozio di Nola insieme a Georghe Paraschiv, il 2 giugno si era recato in compagnia della vittima presso la propria abitazione a Scisciano alla guida di uno scooter a lui in uso. Dopo quel momento, Paraschiv non è stato più visto vivo.

È ancora sconosciuto il movente del delitto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA