NADIA TOFFA

Nadia Toffa, l'autore delle Iene Davide Parenti: «Sapeva che sarebbe finita così, è andata avanti lo stesso»

Giovedì 15 Agosto 2019 di Ilaria Ravarino


Autore de Le Iene, Davide Parenti è tra i più scossi dalla perdita di Nadia Toffa. «È stato come perdere un figlio», il suo unico commento. L'ondata di affetto ricevuta sul web dalla giornalista, tuttavia, è riuscita a rincuorare anche lui.

Nadia Toffa, il dolore di Ilary Blasi: «Voglio ricordare le tante risate, ti abbraccio forte»
Nadia Toffa, in tanti alla camera ardente. Messaggio dai lavoratori dell'Ilva di Taranto
Nadia Toffa, Jovanotti le dedica "Bella". E a Policoro scatta l'applauso

Il web piange Nadia: se lo aspettava?
«Sono contento che così tanta gente le abbia voluto bene, se lo meritava. È una cosa che fa bene a tutti. Anche a chi, durante questo anno e mezzo di malattia, le è stato vicino. Soffrivamo il fatto che lei soffrisse. È stata bravissima a portare avanti tutto, nonostante gli attacchi e le operazioni, ma è difficile stare vicino a una persona che ha il destino segnato. E Nadia lo sapeva. È andata avanti lo stesso, ha condotto il programma sapendo che sarebbe finita così».

Lo sapeva?
«Questa era la cosa drammatica. Era su di morale, era la più up di tutti, ma fra di noi sapevamo come sarebbe finita la vicenda. Però lei aveva una parola di entusiasmo per tutti, anche per i compagni di conduzione quando facevano le prove».

Tanti, sul web, storcono il naso di fronte a chi la definisce guerriera.
«Lei diceva che non voleva essere trattata da malata. Chi ha il cancro finisce per essere considerato dagli altri quasi una non persona, e allora meglio considerarsi un guerriero che un malato. Un guerriero è uno che non ha alcuna intenzione di spegnersi».
 

Perché secondo lei ha continuato a lavorare?
«Il fatto che lavorasse l'ha tenuta in vita più di quanto la malattia le potesse permettere. È una malattia spietata. Quando ti dicono che hai quella cosa, in quel posto, e di quel tipo, basta che guardi su internet per leggere che hai al massimo dieci mesi. Lei ne ha fatti venti. Ovviamente sono stati bravissimi i suoi dottori, capaci di allungarle la vita con le giuste cure. Ma aver continuato a lavorare, avere un appuntamento cui tornare, un impegno con il pubblico, era per lei una delle ragioni per continuare a vivere».

Come ha vissuto le ultime puntate de Le Iene?
«È arrivata sfinita alla fine della stagione. Durante le ultime puntate faceva fatica anche a camminare. Eppure veniva, e faceva i balletti. Qualcuno sui social si è accorto della sua difficoltà. Ma lei comunque faceva tutto. Non è riuscita a venire solo all'ultima puntata, le altre le ha fatte tutte. Purtroppo le sue condizioni si sono aggravate proprio all'ultimo».

Sarebbe cambiato qualcosa per voi?
«Se fossimo riusciti a chiudere insieme avremmo forse potuto, in qualche modo, ricominciare con meno difficoltà. Ma così è stata una cosa che ci ha piegato le gambe».

 

Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 23:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma