Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Febbre alta: va in ospedale e muore a 12 anni a Salerno nella notte di Ferragosto

Febbre alta, va in ospedale e muore a 12 anni: la vittima è una ragazzina. Tragedia a Ferragosto
2 Minuti di Lettura
Venerdì 16 Agosto 2019, 22:37 - Ultimo aggiornamento: 17 Agosto, 12:03

Una ragazzina di 12 anni è morta stroncata da un arresto cardiaco la notte di Ferragosto all' ospedale «Ruggi d' Aragona» di Salerno, dove era giunta qualche ora prima con la febbre alta. I medici del reparto di pediatria del «Ruggi» hanno informato la magistratura «non essendovi - fa sapere l' Azienda Ospedaliera Universitaria in un comunicato - cause evidenti attribuibili a giustificazione dell' exitus».

Bimbo di 3 anni dimesso dal pronto soccorso, torna in ospedale e muore
Febbre alta e mal di testa, bimbo di 6 anni dimesso dall'ospedale muore a casa: indagati medico e infermieri

La famiglia della ragazzina non ha sporto denuncia. Il magistrato, per ora, ha disposto il fermo della salma all' obitorio dell'ospedale in attesa delle valutazioni del medico legale. Soltanto dopo si deciderà se sarà necessaria o meno l'autopsia.


La 12enne era arrivata al pronto soccorso pediatrico mercoledì intorno alle 23.30 con la febbre molto alta. Subito era stata presa in carico dai medici per i prelievi e le indagini del caso. Ma dopo mezz'ora è andata in arresto cardiaco, rendendo vano anche l'intervento di due rianimatori che per un'ora hanno provato a salvarle la vita. I medici del reparto di Pediatria non riuscendo a individuare una causa evidente che giustificasse la morte, hanno deciso di informare l'autorità giudiziaria dell' accaduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA