Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morto di Covid Renzo Belli, il farmacista buono: ospitò cento concittadini sfollati dopo il terremoto del 2012 in Emilia

Nel 2017 aveva ricevuto la medaglia d'oro al valor civile

Morto di Covid Renzo Belli, il farmacista buono: ospitò cento concittadini sfollati dopo il terremoto
3 Minuti di Lettura
Martedì 15 Febbraio 2022, 16:40 - Ultimo aggiornamento: 16:49

È morto a causa del Covid il farmacista Renzo Belli. Aveva 76 anni ed era di Concordia sulla Secchia (Modena), uno dei comuni colpiti dal terremoto del 2012. Belli è diventato famoso per le straordinarie azioni di solidarietà messe in campo in quella vicenda. Si era adoperato, si era rimboccato le maniche per "tenere botta" (questa era la frase fulminante che in quei giorni e nei lunghi mesi dopo sarebbe rimasta la parola d'ordine nella Bassa modenese): aveva tenuto aperta la sua farmacia e messo la sua villa di Concordia a disposizione degli sfollati della zona, aveva montato lì tende e cucine da campo, una grande tensostruttura per permettere a chi non aveva più un tetto di incontrarsi, parlarsi, pregare, condividere parole e pensieri. Una piazza, quando non c'era più una piazza. Lo aveva chiamato "Campo paradiso" e aveva ospitato almeno cento concittadini. La sua casa era diventata un punto di riferimento come fosse un centro di protezione civile. Ed è per questo che nel 2017, il 2 giugno in occasione della Festa della Repubblica, gli consegnarono la medaglia d’oro al valor civile per «premiare atti di eccezionale coraggio che manifestano preclara virtù civica e per segnalarne gli autori come degni di pubblico onore» e arriva nella Bassa, a Concordia sulla Secchia. 

Nel 2018, in occasione del Natale la sua farmacia aveva donato alla popolazione di Concordia un defibrillatore cardiaco. Il defibrillatore è automatico, ed è a disposizione di tutti, installato sotto i portici di fianco alla farmacia. L’ultimo grande progetto di Renzo Belli, racconta il sito SulPanaro.net,  era la costruzione di una Casa di Comunità, intitolata al figlio Marco. Perché Renzo e la moglie Carla hanno sofferto molto: nel 2012 hanno perso il figlio trentenne in un incidente stradale. 

Tantissimi i messaggi commossi di saluto a Renzo, tantissimi ricordi della sua generosità. «Ciao Renzo, Sei stato un fantastico farmacista volontario. Siamo sicuri che lassù stai già organizzando qualcosa di speciale. Un affettuoso abbraccio a Carla da tutti noi dell' Associazione Nazionale Farmacisti Volontari», questo è solo l'ultimo messaggio che è arrivato sulla bacheca Facebook di Renzo Belli. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA