Morti due escursionisti in provincia di Lecco e Cuneo: uno è precipitato per 300 metri

Uno aveva 67 anni e l'altro ne aveva 43

Morti due escursionisti in provincia di Lecco e Cuneo: uno è precipitato per 300 metri
2 Minuti di Lettura
Sabato 2 Ottobre 2021, 16:37 - Ultimo aggiornamento: 20:46

Due escursionisti sono morti oggi in due distinti incidenti in Lombardia e in Piemonte.

Incidente mortale per un escursionista in Piemonte: l'uomo è morto precipitando per circa trecento metri lungo il percorso dei Laghi Blu a Chianale, in alta Valle Varaita, nel Cuneese. Sul posto - rende noto il 118 intervenuto col soccorso alpino e il 118 - le operazioni di soccorso sono state immediate. Per Umberto De Bonis, 67enne, medico in pensione e residente a Villafalletto in provincia di Cuneo, non c'è stato nulla da fare.

Il sentiero, uno dei più noti e frequentati dagli escursionisti nella zona, collega l'abitato di Chianale con il lago Blu e il col Longet, a oltre 2.500 metri di altitudine. Secondo le prime informazioni, la vittima sarebbe scivolata in un punto impervio della zona, rotolando sulle rocce per oltre 300 metri. Le squadre di soccorso del 118 e del Soccorso Alpino non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo. 

Ed è morto anche un altro esursionista oggi. Si chiamava Paolo Buffa, aveva 43 anni, ed era di Merate (Lecco). È precipitato dal monte Legnone poco prima delle 11 ed è morto sul colpo. Le operazioni di recupero si sono concluse dopo ore di lavoro da parte dei tecnici del Soccorso Alpino della XIX Delegazione Lariana. Sul posto anche l'elicottero di Areu, con l'equipe medica che ha constatato il decesso, mentre le indagini sono affidate ai carabinieri. Buffa era appassionato di montagna e sarebbe scivolato, secondo quanto finora ricostruito, appena raggiunta la vetta del Legnone, dal versante Lecchese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA