Colpita da una rotoballa in azienda muore cinque giorni dopo l'infortunio

Friday 27 December 2019
Loredana Guerra, 53 anni, deceduta in seguito infortunio sul lavoro nella sua azienda agricola
AZZANO DECIMO - Dolore ad Azzano Decimo per la morte di Loredana Guerra, 53 anni, imprenditrice agricola che il 19 dicembre era rimasta vittima di un infortunio sul lavoro. È morta la vigilia di Natale all’ospedale di Pordenone, in seguito a un’embolia polmonare, una complicazione che si è manifestata improvvisamente. La donna era stata travolta da una rotoballa e aveva riportato diverse fratture.

Era stata ricoverata in Ortopedia, sottoposta a un intervento chirurgico e il 23 dicembre era stata accompagnata all’ospedale di Udine per essere sottoposta a una ulteriore visita. Le sue condizioni erano buone, anche se la convalescenza sarebbe stata molto lunga. La mattina del 24 dicembre si è sentita male. Rianimata e trasferita nel reparto di Rianimazione, è mancata nonostante le terapie e il prodigarsi dei medici.

La Procura ha disposto ulteriori accertamenti attraverso i carabinieri della stazione di Azzano Decimo e il personale del Servizio sicurezza negli ambienti di lavoro, per capire se vi sia un nesso di causa tra il decesso e l’incidente. L’infortunio si era verificato il 19 dicembre verso le 18.45. La donna stava lavorando assieme al fratello Antonio Guerra, 52 anni. Quest’ultimo stava movimentando rotoballe: dal fienile, dove erano sistemate, le faceva cadere da un’altezza di 3,5 metri di circa. In un’azienda che alleva vacche da latte è un’operazione di routine. L’uomo si è assicurato che sotto di lui non ci fosse nessuno. Ma in quei pochi secondi, passati tra il controllo e il momento in cui ha spinto la rotoballa da 3,5 quintali, è arrivata la sorella, che è stata travolta di striscio.Loredana Guerra lascia nel dolore il compagno Roberto Chinellato, il figlio di 14 anni, il papà Domenico e i fratelli Antonio e Susi. Era una donna benvoluta, gentile e disponibile. La sua è stata una vita di duro lavoro, divisa tra la famiglia e l’impegno nella stalla di via del Sile.
Ultimo aggiornamento: 10:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani