Muore a 46 anni dopo 75 giorni d'ospedale compagna di un ex calciatore: colpita da un raro virus

Lunedì 3 Febbraio 2020 di Giannino Dian
Addio Mara Zanetti: uccisa da un virus raro a 46 anni dopo 75 giorni d'ospedale

Ha destato dolore e sconcerto a Boccasette e in tutto il territorio di Porto Tolle (Rovigo), la morte dopo una lunga malattia di Mara Zanetti; il 25 gennaio aveva compiuto 46 anni. Compagna dell’ex calciatore Massimiliano Zerbin, giocatore dell'Udinese, si è spenta sabato alla casa di cura Madonna della Salute di Porto Viro, assistita dai suoi cari, dopo 75 giorni di ospedale (70 a Rovigo e 5 a Porto Viro); le era stata diagnosticata una forma patologica rara.

Scopre di avere un tumore al seno grazie alle extension ai capelli: «Il mio parrucchiere mi ha salvato»

Tumore uccide in 5 mesi mamma di quattro figli

Domani, alle 10 saranno celebrati i suoi funerali nella chiesa parrocchiale “Sacro Cuore di Gesù” di Cà Tiepolo a Porto Tolle (Rovigo); le esequie saranno precedute, alle 9,30 dalla recita del Rosario. Presiederà la messa monsignor Adriano Tessarollo, vescovo di Chioggia (Venezia) mentre, i concelebranti, oltre a don Jacopo Tugnolo dell’Unità Pastorale di Ca’ Tiepolo e originario di Boccasette, saranno diversi sacerdoti delle tante parrocchie bassopolesane. Al termine della messa il feretro sarà accompagnato nel camposanto di Boccasette per la tumulazione. 

PAESE IN LUTTO
Mara lascia Massimiliano, suo compagno da 25 anni, i genitori Gabriella e Luigino, il fratello Massimo la cognata Silvia e i tre nipoti: Sara, Giorgia e Riccardo oltre a parenti e tantissimi amici. Operaia alla mensa dell’ex centrale Enel di Polesine Camerini, Mara ha conosciuto Massimiliano, anche lui operaio quand’era molto giovane e insieme hanno deciso di condividere la loro vita. I problemi di salute per lei sono cominciati con una diagnosi di immunodeficienza. Purtroppo con il passare degli anni, e soprattutto negli ultimi tempi, la situazione si è aggravata fino al ricovero all’Ospedale Civile di Rovigo, nel reparto neurologico, il 19 novembre 2019. Le sue condizioni si sono via via aggravate per lo sconcerto dei familiari che ora si chiedono se sia stato fatto tutto il possibile pensando magari a un trasferimento in un altro ospedale specializzato per le malattie rare. 

Tantissimi sono i messaggi di cordoglio che in queste ore stanno arrivando anche al papà Luigino, fratello dell’ex sindaco Roberto, ex funzionario della associazione Coldiretti, ma anche consigliere comunale e collaboratore del settimanale diocesano “Nuova Scintilla” che con il suo direttore don Vincenzo, la redazione, amministrazione e tutti i collaboratori partecipano all’immenso dolore della famiglia di Mara, così come il sindaco di Porto Tolle, Roberto Pizzoli, gli ex sindaci Claudio Bellan e Silvano Finotti, l’ex presidente del Consorzio di Sviluppo Angelo Zanellato, consiglieri regionali e parlamentari. 

MALATTIA RARA
Spiega Luigino Zanetti: «Mia figlia Mara è mancata a causa di un virus che ha causato una Leucoencefalopatia multifocale progressiva; un virus riconosciuto senza terapia e che secondo la letteratura medica, come ci hanno comunicato i medici sia dell’ospedale di Rovigo che di Treviso, non era curabile. Ha trascorso 70 giorni in neurologia a Rovigo; con Mara la sanità si è arresa». La famiglia ha chiesto che non siano portati fiori ma siano devolute offerte per la ricerca.

Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio, 09:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani