Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Monza, latitante va a vaccinarsi, arrestato dai carabinieri: «Sorpreso mentre trasportava 50 chili di droga»

In passato era stato trovato con 50 kg di droga e condannato, ma da settembre aveva fatto perdere le sue tracce

Monza, latitante va a vaccinarsi, arrestato dai carabinieri: «Sorpreso mentre trasportava 50 chili di droga»
2 Minuti di Lettura
Sabato 26 Febbraio 2022, 08:00 - Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio, 12:28

Aveva appena ricevuto la dose di vaccino anti-Covid presso il centro vaccinale di Meda (in provincia di Monza e Brianza) quando proprio lì, mentre usciva, ha trovato davanti a sé i carabinieri. L’uomo, un narcotrafficante seregnese di 52 anni, formalmente residente a Vigevano (PV) sul quale pendeva una pena detentiva di 4 anni e 1 mese per essere stato colto mentre trasportava panetti per oltre 50 kg di stupefacenti, era irreperibile dal mese di settembre scorso quando l’ Ufficio Esecuzioni Penali di Nuoro ne aveva ordinato la carcerazione.

Latitante, i Carabinieri lo trovano e lo arrestano fuori dal centro vaccinale 

Ieri, al termine di una complessa attività investigativa condotta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale carabinieri di Monza Brianza fatta anche di articolati pedinamenti e accertamenti sulla vita del ricercato, i militari, unitamente ai colleghi della Stazione di Seveso, sono riusciti a rintracciarlo all’uscita del centro vaccinale e ad assicurarlo alla giustizia. Nella stessa serata, il 52enne, terminati gli accertamenti presso il comando di Via Volturno,è stato portato presso il carcere di Monza.

L'operazione rientra in una più ampia e diffusa azione di contrasto al narcotraffico e allo spaccio al dettaglio che con la pandemia ha avuto nuovi sbocchi, andando a sfruttare la fragilità delle persone in difficoltà per ampliare il raggio d’azione illecita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA