Ravenna, moglie e marito muoiono in un incidente stradale: terribile scontro tra la moto su cui viaggiavano e un'auto

Ravenna, moglie e marito muoiono in un incidente stradale: terribile scontro tra la moto su cui viaggiavano e un'auto
2 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Settembre 2021, 10:59 - Ultimo aggiornamento: 12:58

Terribile incidente stradale sulla via Emilia vicino a Faenza, comune in provincia di Ravenna in Emilia-Romagna. Moglie e marito sono morti nello schianto avvenuto ieri sera verso le 10 tra la moto sulla quale viaggiavano, una Ducati di grossa cilindrata, e un'auto che stava svoltando. Come riportato dai media locali, l'uomo, 45 anni è morto sul colpo, mentre la donna è stata trasportata in gravissime condizioni all'ospedale Bufalini di Cesena dove è deceduta. Illeso, invece, l'automobilista che ha immediatamente chiamato i soccorsi. 

 

L'incidente 

Arrivati all'intersezione con via Corleto, i motociclisti si sono trovati davanti una Fiat 500L che stava svoltando a sinistra e l'impatto è stato inevitabile. Marito e moglie sono carambolati sull'asfalto dopo essere stati sbalzati dalla moto e l'uomo ha riportato traumi estremamente gravi, tanto che i primi soccorritori del 118, arrivati sul posto con ambulanza e auto medicalizzata, hanno chiesto l'intervento dell'elimedica. I sanitari hanno cercato di rianimare il motociclista ma, nonostante i disperati tentativi, alla fine si sono dovuti arrendere e il medico non ha potuto far altro che dichiararne il decesso.

Auto contro moto sulla strada degli incidenti, in ospedale un motociclista di Pesaro e una donna

Anche la donna aveva riportato ferite molto gravi e, dopo essere stata stabilizzata, era stata trasferita in eliambulanza al Bufalini di Cesena con codice di massima gravità: ma purtroppo è spirata poco dopo. Per permettere i soccorsi ed effettuare i rilievi di rito per accertare con esattezza la dinamica del sinistro la via Emilia è stata chiusa in entrambi i sensi dai carabinieri e dalla Polizia locale dell'Unione dei Comuni della Romagna Faentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA