MILANO

Milano, violentava nel cimitero ragazzina che pregava sulla tomba della madre, ex custode si difende: «Sono un uomo d'onore»

Martedì 23 Marzo 2021
Abusa di una ragazzina che prega sulla tomba della mamma, ex custode del cimitero si difende: «Sono un uomo d'onore»

«Io sono un uomo d’onore, non avrei mai fatto una cosa del genere. Sono distrutto da questa vicenda». E ha continuato a professarsi innocente, affermando di appartenere a «un codice d’onore» che mai avrebbe potuto violare, davanti ai giudici della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano. L’imputato ha 63 anni ed è l’ex custode del cimitero di Buccinasco, in provincia di Milano. Lo scorso dicembre è stato condannato dal gup Sofia Fioretti a quattro anni e due mesi di reclusione, con rito abbreviato, per abusi sessuali su una ragazzina di quindici anni. Lei aveva da poco perso la madre e andava a pregare sulla sua tomba, l’ex custode l’ha violentata.

Abusi, il cardinale Woelki nella bufera resiste: ammette responsabilità morali ma niente dimissioni

«PERICOLOSITÀ CERTA»

Quella del presunto «codice d’onore» è la stessa linea di difesa seguita in aula dall’imputato durante il processo davanti al gup, che ha anche applicato la misura di sicurezza, per deu anni, del divieto di avvicinamento a luoghi frequentati da minori e non ha concesso le circostanze attenuanti generiche per via dei suoi precedenti penali. Nel 2006 l’uomo ha finito di scontare in Sicilia una condanna definitiva a 17 anni per associazione a delinquere di stampo mafioso e tentato omicidio. «La ragazzina ha perso i sensi - ha affermato l’uomo rendendo dichiarazioni spontanee - l’ho presa per sostenerla e poi non so che cosa è successo, non l’ho toccata».

Violenza sessuale, arrestato il ginecologo e assessore Francesco Ciarrocchi

Il pm Ilaria Perinu, che ha chiesto l’applicazione della sorveglianza speciale per due anni oltre all’ingiunzione trattamentale, cioè un percorso di recupero, ha rimarcato che la «pericolosità» dell’ex custode del cimitero «è certa ed è accusato di reati gravi nei confronti di una ragazzina particolarmente prostrata dalle vicende della sua vita». La sezione, presieduta da Fabio Roia, si è riservata e deciderà nei prossimi giorni.

Ultimo aggiornamento: 19:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA