Milano, violentò la figlia, scarcerato minaccia la moglie: «Tempo di ubriacarmi e uccido qualcuno»

Martedì 26 Maggio 2020

Sorveglianza speciale per un detenuto di 45 anni, in carcere dal 2014 per violenza sessuale aggravata e maltrattamenti in famiglia. L'uomo, che aveva abusato sessualmente della figlia adolescente, era stato condannato per i violenti maltrattamenti perpetrati per anni nei confronti della ex moglie e degli altri cinque figli minori: in un'occasione, l'uomo avea addirittura lanciato un coltello da cucina all'indirizzo di una delle figlie, colpendo alla tempia e ferendo la bambina più piccola. Condannato a sette anni e quattro mesi di reclusione nel 2014, poco prima della scarcerazione dal carcere di Bollate, lo scorso febbraio, aveva manifestato sentimenti di vendetta nei confronti della ex moglie e dei figli, nonché verso l'assistente sociale che al tempo aveva fatto partire le indagini, dicendo frasi del tipo: «Al massimo un paio di giorni e torno in carcere: il tempo di ubriacarmi e uccidere qualcuno». Da qui, la decisione di applicare la sorveglianza speciale.

Como, drogava e abusava di bimba, poi vendeva video sul web: arrestato pedofilo 30enne

I poliziotti della Divisione anticrimine della questura hanno acquisito informazioni dagli psicologi che avevano trattato il soggetto in carcere e avevano segnalato negli ultimi tempi un certo nervosismo dell'uomo. In un colloquio, ad esempio, aveva riferito di non voler andare a dormire in un dormitorio o su un cartone, preferendo ritornare in carcere «anche con una condanna all'ergastolo». Tutti questi elementi hanno consentito l'applicazione della misura di prevenzione che, oltre a consentire un maggiore controllo, ora gli proibisce di avvicinarsi all'ex moglie, ai figli e all'assistente sociale, e di comunicare con loro, con qualsiasi mezzo, potendo essere arrestato in caso di violazione, oltre all'invito a sottoporsi a un percorso di recupero. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA