Milano, due educatrici senza Green pass respinte da nido e scuola dell'infanzia

Milano, due educatrici senza Green pass respinte da nido e scuola dell'infanzia
6 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Settembre 2021, 19:18 - Ultimo aggiornamento: 19:27

Educatrici del Comune di Milano respinte da nido e scuola dell'infanzia perché senza Green pass. Le due educatrici non sono state ammesse nelle rispettive scuole perché prive del certificato verde. Lo ha spiegato il sindaco Beppe Sala, a margine della messa per la giornata delle custodia del creato organizzata da Legambiente Reteambiente Milano agli orti di via Padova.

Green pass, cosa succede se non ce l'ho in treno o sul bus? Devo scendere? Tutte le multe

No vax e No green pass, stazioni blindate: le proteste sono un flop. Torino, attivista aggredisce un agente

Il sindaco Sala: «Hanno chiesto di entrare»

«Mi hanno segnalato un paio di casi di nostre educatrici che hanno chiesto di entrare ugualmente, e sono state respinte» ha detto il sindaco, precisando che gli asili comunali non sono ancora aperti ai bambini ma si stanno preparando a riaprire.

«Speriamo nel buon senso perché se ci si mette a litigare su questi aspetti, magari davanti ai bambini, ci possono essere dei problemi», ha aggiunto il sindaco. Sala ha anche spiegato che nei nidi «la nostra regola è che tutto il personale che sta a contatto con i bambini deve avere il Green pass. Anzi se anche un genitore che fa l'inserimento vuole entrare qualche ora deve avere il Green pass».

Il flop delle manifestazioni No Green pass a Milano

Sul flop delle manifestazioni dei No Green pass, Sala ha poi commentato: «Credo che ognuno abbia i suoi problemi, il lavoro, per cui era difficile far previsioni e possiamo dire bene così. Più che alla manifestazione guardo ai problemi pratici che avremo a Milano. In particolare stiamo lavorando sulle scuole e sui nidi che stanno aprendo». «Lì - ha aggiunto - la nostra regola è che tutto il personale che sta a contatto con i bambini deve avere il Green pass. Anzi se anche un genitore che fa l'inserimento e vuole entrare qualche ora deve avere il Green pass. Si possono fare eccezioni per chi non sta vicino ai bambini. Per cui sarà un inizio difficile e ci stiamo preparando a gestire queste difficoltà».

Il primo giorno di Green pass


Il primo giorno degli esami di riparazione in epoca Green pass va in archivio senza particolari problemi, seppure qualche docente sia stato rimandato a casa perché non in regola con la certificazione da oggi obbligatoria per l'ingresso in istituto. La frangia degli «irriducibili», però, sembra assottigliarsi sempre più, con appena il 9,5% del personale della scuola ancora senza vaccino, quando mancano meno di due settimane all'avvio ufficiale del nuovo anno scolastico. Il 13 settembre, inoltre, sarà anche il d-Day per il debutto della super app che potrà evitare i controlli a mano cui sono stati costretti oggi i collaboratori scolastici attraverso tablet e smartphone. Il banco di prova del Green pass a scuola sembra essere superato a pieni voti ma, sottolineano i sindacati, la vera cartina tornasole sarà la prima campanella, quando tutti i docenti e gli alunni faranno il loro ritorno in classe.

«Mancano ancora tantissime indicazioni su cosa si deve fare - spiega Jessica Merli, segretario generale della Flc Cgil Milano -. La normativa è vacua e ci sono enormi problemi ad applicarla, quindi la situazione andrà monitorata nei prossimi giorni». Fino ad allora ci si aspetta un considerevole aumento dei vaccinati non solo tra il personale scolastico ma anche tra gli studenti. Al momento, infatti, gli under 19 con almeno una dose sono quasi il 60% con un'impennata considerevole registrata tra fine luglio e i primi giorni di agosto.

Sono, invece, 138.435 (pari al 9,55% del totale) i docenti e gli altri lavoratori della scuola ancora in attesa della prima dose di vaccino, anche se in un solo mese sono aumentati di circa 80 mila unità. Una corsa alla vaccinazione per farsi trovare pronti per il 13 settembre, altrimenti il rischio è quello di restare a casa. Così come capitato oggi ad alcuni docenti in alcune regioni d'Italia.

A Torino un professore e una professoressa sono stati respinti all'ingresso perché in possesso di una certificazione medica non ritenuta valida dal preside, contro il quale è partita anche una denuncia da parte di uno dei due docenti. In Toscana e Friuli-Venezia Giulia, invece, i prof rimandati a casa perché senza Green pass sono stati una decina.

Il «rodaggio» del sistema di controllo del Green pass continuerà anche nei prossimi giorni, ma il numero uno dei presidi italiani, Antonello Giannelli, si dice ottimista. «Ritengo che ci siano tutte le condizioni per fare decisamente meglio rispetto all'anno precedente - spiega -, il vaccino ha cambiato tutto e sicuramente si userà molto meno la dad, che verrà applicata in eventuali casi di cluster». «Credo che bisogna intensificare l'attenzione nei confronti di queste misure, applicarle costantemente e, se vengono applicate, il nostro paese non vedrà più la Dad», gli fa eco Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute. «Certo - aggiunge - bisogna stare attenti ai trasporti: la scuola di per sé non è un ambiente insicuro se vengono attuate tutte le misure, quello che è difficile monitorare sono i trasporti pubblici. Bisogna fare ancora uno sforzo per ampliarli, farli funzionare meglio e far sì che i ragazzi che vanno a scuola coi trasporti pubblici siano protetti». Inoltre sul fatto che non si preveda nessun obbligo di Green pass per personale esterno delle scuole è «un'incongruenza che va corretta».

Intanto, proprio nei giorni in cui cominciano a svolgersi i test d'ingresso nelle varie università italiane (dove il Green pass è obbligatorio anche per gli studenti), a destare qualche preoccupazione è il caso degli allievi che arrivano da fuori Europa, il cui vaccino non è riconosciuto a livello comunitario e quindi non possono ottenere il certificato per poter seguire le lezioni in presenza. Tra i primi a sollevare la questione è stato il conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste, dove alcuni studenti sono stati costretti a sottoporsi a tampone per poter accedere all'istituto. Timori ribaditi anche da Stefano Ruffo, direttore della Scuola internazionale di studi superiori avanzati di Trieste.

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA