Michele Bravi torna a parlare dopo l'incidente: «Sono in terapia, spero di farcela, ma non so se riuscirò»

Giovedì 23 Maggio 2019 di Alessio Esposito
Michele Bravi torna a parlare dopo l'incidente: «Sono in terapia, spero di farcela»

Michele Bravi rompe il silenzio. Dopo il drammatico incidente stradale dello scorso novembre, costato la vita a una donna, il giovane cantante torna a parlare in un'intervista concessa al Corriere della Sera. «Il rispetto per questa tragedia mi ha portato al silenzio - racconta Michele Bravi - Tornare a parlare è strano: questa non è solo la mia storia. Non so. Sono sempre stato uno che parlava molto, il silenzio mi spaventava. Ho iniziato a scrivere canzoni proprio perché mi faceva così paura e preferivo riempirlo con le melodie che avevo in testa. Eppure sono stato mesi senza dire una parola».

LEGGI ANCHE Michele Bravi, parla l'avvocato: «È innocente e sta molto male»

Il vincitore di X Factor 2013 preferisce non parlare dell'incidente, ma non può fare a meno di sottolienare quanto la sua vita sia cambiata da allora: «Avevo appena finito di fare le prove dei concerti che ci sarebbero stati da lì a pochi giorni... Sì, è cambiato tutto perché è cambiato il mio modo di vedere le cose. Prima quello che mi capitava si divideva in modo binario: bene o male, bianco o nero, giusto o sbagliato. Ora è tutto diverso». 
 

Michele Bravi non fa mistero di aver fatto ricorso a uno psicoterapeuta per superare il difficile momento: «Ho avuto la fortuna di essere portato per mano a fare psicoterapia. Senza quella, non sarei qua e se c’è un messaggio che posso dare è questo: non temere di farsi aiutare. Io ho avuto tanta luce attorno che mi ha spinto a mettere questo primo tassello per tornare al reale».  La strada però è ancora in salita: «In questi mesi avrò visto si e no venti persone. È come se avessi fatto un viaggio... Sto cercando di tornare, ma non so se ci riuscirò. È un primo mattoncino per ritrovare la mia realtà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma