MALTEMPO

Maltempo, Matera conta i danni. Mibact: «Verifiche su antichi ipogei». Resta l'allerta arancione sulla costa ionica

Mercoledì 13 Novembre 2019

I torrenti d'acqua che avevano preso il posto delle strade sono defluiti e Matera sta tornando alla normalità. La Capitale della Cultura 2019 conta adesso i danni. In particolare quelli delle zone dei Sassi per i quali l'unità di crisi attivata al Ministero dei Beni culturali dal ministro Franceschini è già all'opera. «C'è una situazione d'allarme che tocca i beni culturali dopo l'ondata di maltempo - ha spiegato il segretario generale del Mibact, Salvo Nastasi, che oggi era proprio a Matera per inaugurare la nuova stazione ferroviaria progettata da Stefano Boeri - In particolare a rischio sono gli ipogei. Faremo una valutazione attenta dei danni appena le acque si saranno ritirate».

Acqua alta record a Venezia: due morti, San Marco devastata

Intanto anche i  tecnici comunali sono al lavoro per quantificare cosa fare per la pavimentazione in basolato divelta in via Bruno Buozzi, chiusa solo alle automobili ma non ai pedoni. Intanto in tutta la  Basilicata si contano i danni anche nel Metapontino, dove una tromba d'aria, ieri, ha creato gravi problemi all'agricoltura soprattutto a Policoro. Nella zona jonica continua infatti il maltempo: e  se a Matera le scuole hanno riaperto, non così in altri comuni dove ancora persiste l'allerta arancione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma