Massimo Riella evaso dal carcere di Como durante visita al cimitero. «La gente del posto lo nasconde in casa»

Massimo Riella evaso dal carcere di Como durante visita al cimitero. «La gente del posto lo nasconde in casa»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Aprile 2022, 19:43 - Ultimo aggiornamento: 19:44

Massimo Riella è evaso lo scorso 12 marzo, quando gli agenti della polizia penitenziaria lo avevano accompagnato a pregare sulla tomba della madre a Brenzio, in provincia di Como. Da allora si sono perse le tracce del 47enne, che era detenuto nel carcere di Como da dicembre perché ritenuto responsabile di aggressione e rapina nei confronti di una coppia di anziani. Riella, appena uscito dalla camionetta della penitenziaria, avrebbe aggredito gli agenti per poi darsi alla fuga nei boschi dell'alto lago di Como, zona che conosce molto bene.

Evade dal carcere di Vercelli come in un film, arrestato dopo due mesi di fuga per un Green pass

Tuttavia secondo Domenico Riella, padre dell'evaso, il 47enne sarebbe nascosto dagli abitanti del posto: «La gente se lo passa di casa in casa, il mio Massimo non vaga nei boschi cacciando a mani nude… Lo tengono una notte a testa, quindi riparte. Semplice». Al Correre della Sera l'uomo inoltre ha spiegato: «Siamo già d'accordo che ce lo porto io, ai carabinieri. Prima però bisogna arrestare il vero colpevole. Il mio Massimo è mezzo matto, m'ha fatto disperare... Però non è tipo da picchiare gli anziani. Lui è fuggito per dimostrare la propria innocenza. Anche se ho il terrore che voglia farsi giustizia da solo. Casomai l’accoppa... Non ricordo il nome. Un amico di Massimo. Traffica con la droga».

© RIPRODUZIONE RISERVATA