Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marmolada, i testimoni del crollo: «Un'onda nera velocissima, siamo salvi per miracolo»

Marmolada, i testimoni del crollo: «Un'onda nera velocissima, siamo salvi per miracolo»
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Luglio 2022, 18:53 - Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 10:45

Un'onda nera, poi la valanga. Sono salvi per miracolo un'alpinista e suo marito che si trovavano, secondo quanto raccontano in un'intervista alla Tgr Rai Trentino, sulla Marmolada durante il crollo a Punta Rocca.

«Abbiamo sentito un rumore come se fosse di una pioggia fortissima, ci siamo voltati e abbiamo visto sei o sette persone che hanno cominciato a correre per scappare però è venuta giù un'onda nera velocissima che ha coperto tutto - ha raccontato - C'erano delle guide alpine che ci hanno un attimo calmato e hanno chiamato i soccorritori, ci hanno detto cosa fare».

Marmolada, crolla blocco di ghiaccio: 6 morti, 8 feriti, 10 i dispersi. Il soccorritore: «Mai vista una cosa del genere»

Le testimonianze

«Un rumore forte, tipico di una frana, poi abbiamo visto scendere a forte velocità a valle una specie di valanga composta da neve e ghiaccio e da lì ho capito che qualcosa di grave era successo. Col binocolo da qui si vede la rottura del serracco, è probabile che si stacchi ancora qualcosa», ha raccontato uno dei responsabili del Rifugio Castiglioni Marmolada, testimone del crollo del serracco che ha provocato 4 vittime.

 

«Avvenimenti imprevedibili»

«Non ho mai visto una cosa del genere in Marmolada. Non è la solita valanga invernale, grado due, grado tre: è la natura. Se volessimo fare un paragone con l'edilizia potremmo parlare di un cedimento strutturale». Lo ha detto all'Ansa uno dei soccorritori impegnati nel recupero delle vittime e dei feriti. «Lo zero termico è oltre i 4 mila metri - aggiunge - ed è chiaro che è una cosa metereologica che nemmeno la migliore delle guide può prevedere». Al momento ci sono ancora macchine nel parcheggio e spiega il soccorritore «dobbiamo capre se manca ancora qualcuno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA