Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marmolada, boato sul ghiacciaio: si apre nuovo crepaccio di 200 metri. Scattano le verifiche

A segnalare il distacco è stato il gestore del rifugio. Al lavoro i tecnici della Provincia di Trento

Marmolada, boato sul ghiacciaio: si apre nuovo crepaccio di 200 metri. Scattano le verifiche
3 Minuti di Lettura
Domenica 17 Luglio 2022, 19:28 - Ultimo aggiornamento: 19 Luglio, 08:55

Un forte boato, poi la scoperta di un ulteriore crepaccio. Nuovo sopralluogo aereo sopra il ghiacciaio della Marmolada a seguito di una segnalazione da parte del gestore del rifugio. I tecnici della Provincia di Trento hanno effettuato delle verifiche in relazione ad un nuovo distacco. Chi ha dato l'allarme ha parlato infatti di un forte rombo sula destra orografica del massiccio e di un grande crepaccio che si è palesato.

Marmolada, Alessandra ricorda gli attimi prima della morte del compagno: «Mi ha fatto da scudo. Sono viva grazie a lui»

Nuovo crepaccio sulla Marmolada

Dalle prime rilevazioni aeree si stima che il crepaccio abbia una larghezza di circa 200 metri per un spessore tra i 25 ed i 35 metri. La zona è interdetta agli escursionisti dopo la tragedia del 3 luglio scorso. Le attività di osservazione del ghiacciaio proseguono non stop tramite laser e interferometro.

 

Tragedia della Marmolada, coonfermata l'identità delle 11 vittime

Sabato pomeriggio sono terminate le operazioni dei Carabinieri volte alla ricomposizione delle salme appartenenti alle vittime della tragedia della Marmolada del 3 luglio scorso. Le attività si sono svolte in un clima di umanità e cordoglio presso il Centro operativo di soccorso adibito all'interno della caserma dei Vigili del Fuoco di Canazei. Le analisi dei Carabinieri del Ris di Parma e gli accertamenti di laboratorio, consistiti nell'estrazione e comparazione del Dna su circa un centinaio di campioni, hanno permesso di ricondurre tutti i profili genetici estratti, confermando l'identità delle undici persone decedute. Si è trattato di un lavoro delicato anche in considerazione dell'elevato numero di reperti che ora, con il nulla osta della Procura della Repubblica di Trento che coordina le indagini, possono ricevere degna sepoltura. Alcuni familiari hanno anche potuto ricevere materiali e attrezzature appartenuti ai propri cari e recuperati dalle squadre di soccorso durante le ricerche. 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA