Mario De Marco, il poliziotto no-vax: «Meglio dietro alla scrivania che vaccinato»

Poliziotto no-vax: «Meglio dietro alla scrivania che vaccinato»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 19 Agosto 2021, 09:02 - Ultimo aggiornamento: 09:11

La sua foto in mezzo a un parcheggio, seduto su una sedia di legno e con davanti una monoporzione per il pranzo su un tavolino, ha fatto il giro dei social. Il protagonista è Mario De Marco, 58 anni, agente della polizia ferroviaria di Gorizia e coordinatore provinciale del sindacato "Lo scudo". Che non ha intenzione di vaccinarsi e di conseguenza ottenere il green pass che gli darebbe accesso alla mensa della caserma Massarelli: «Non sono convinto del vaccino, non voglio farlo. Le imposizioni mi vanno strette. Certo non vorrei ammalarmi: mi spaventa il Covid come mi spaventa uscire di casa ed essere colpito da una tegola in testa, ma non reputo la malattia così pericolosa».

Vaccino, dosi dimezzate ad agosto: colpa di vacanze e 50enni no-vax

Green pass nelle mense aziendali, da oggi è obbligatorio: tutte le regole nei luoghi di lavoro

«Meglio demansionato che col vaccino»

Poi continua: «Non sono vaccinato, non ho il Green Pass e per questo non mi hanno fatto entrare a mensa nella caserma Massarelli, ma noi lavoriamo nelle caserme, stiamo negli alloggi, saliamo in auto, lavoriamo fianco a fianco con i colleghi e solo a mensa c'è l'obbligo del Pass e ci dividono».

«Mi chiedo se potrò salire sul treno per i controlli, se potrò continuare a lavorare», dice in vista di settembre quando il green pass sarà in vigore anche sui treni. «Mi dispiacerebbe finire in un ufficio, ma accetterei di essere demansionato piuttosto che costretto al vaccino. Se mi licenziassero ci penserei, ma andrò presto in pensione, dovrei salvarmi».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA