Marina Addati, arrestata per aver avvelenato le figlie è innocente. Scagionata dopo 34 mesi di carcere

Marina Addati, arrestata per aver avvelenato le figlie è innocente. Scagionata dopo 34 mesi di carcere
di Alessia Strinati
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Novembre 2019, 10:47 - Ultimo aggiornamento: 10:59

Denunciata per aver tentato di avvelenare le sue bambine viene scagionata. Marina Addati, 32anni di Napoli, è stata scagionata dalle accuse di avvelenamento delle figlie di 3 mesi e 3 anni perché dalle indagini è emerso che le piccole potrebbero soffrire di una mutazione genetica che non consente loro di espellere i farmaci.

Roma, tentò di uccidere la figlia di 3 anni mettendo droga nel biberon: giudizio immediato per la madre killer



La donna, dunque, avrebbe somministrato loro le giuste dosi di farmaco e nel modo corretto, ma i loro corpi non avrebbero espulso, come accade normalmente, il farmaco, creando un accumulo che ha causato l'intossicazione. La figlia di 3 mesi fu portata all'ospedale Santobono di Napoli, le sue condizioni erano gravi, tanto che andò in coma. I medici trovarono un livello altissimo di un farmaco nel suo sangue, anche se la terapia di cui aveva parlato la donna era finita da un mese.

Era il 2015, scattarono subito i sospetti di avvelenamento e la donna fu segnalata. Quando nel 2017 la mamma si recò in ospedale con la figlia più grande che aveva gli stessi sintomi di avvelenamento, furono fatti test approfonditi e nel corpo della bambina di 3 anni i medici trovano benzodiazepine. Marina è stata arrestata, ha passato 34 mesi in carcere, ha perso la podestà genitoriale, le due bambine sono state affidate a una comuità protetta e la terza figlia, che aveva avuto da poco al momento dell'arresto, non ha mai conosciuto sua madre.

Marina però non c'entrava nulla. Le figlie sono infatti affette da una malattia che ha causato loro un vero e proprio avvelenamento da medicine. La madre non ha mai fatto niente per mettere la loro vita in pericolo, né avrebbe le conoscenze mediche necessarie per avvelenare in quel modo le figlie. Ora la 32enne è tornata libera e chiede di poter riabbracciare le sue bambine. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA