Stop concessioni, gara per lo storico lido. Buticchi: «Vendono la storia, pronti a incatenarci»

«Il mio Lido a Lerici cresciuto grazie alla mia opera. Una fesseria che a guadagnarci saranno gli utenti-consumatori»

Buticchi, lo scrittore-bagnino e lo stop alle concessioni balneari: «Così vendono la storia»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Novembre 2021, 20:06 - Ultimo aggiornamento: 20:08

La storia “cancellata” con un “colpo di spugna”. Almeno questo è il grido di dolore. Altra cosa è la questione normativa, la primazia del diritto comunitario sulla legislazione nazionale, le concessioni balneari da assegnare con gara internazionale. Fa discutere la sentenza del Consiglio di stato in adunanza plenaria che blocca la proroga delle concessioni in riva al mare al 31 dicembre 2023: dal giorno dopo decadono, tutte. È la direttiva "Bolkestein", che nel 2006 ha aperto alla concorrenza in ambito europeo. E questa è la storia di Marco Buticchi, uno dei massimi scrittori d'avventura italiani. Premio Salgari nel 2012 con «La voce del destino», al mare ha legato tanti dei suoi romanzi e la sua vita da imprenditore. Il grido di dolore è il suo.

Spiagge, Consiglio di Stato: dal 2024 azzerate tutte le concessioni balneari

Spiagge, stop alle concessioni: via alla rivoluzione nel 2024

Un'impresa «costruita su una landa brulla»

La finestra dell'Hotel del Lido, quella da cui guarda il mare della Liguria e da cui trova l'ispirazione per i suoi best seller, tra qualche anno potrebbe non essere più sua. Così come l'orizzonte che ha popolato di navigatori e avventurieri per quasi 2 milioni di lettori. Dal 1989 è proprietario dello stabilimento balneare 'Il Lido' di Lerici, la cui concessione scade nel 2024. E da ieri, per effetto di una sentenza del Consiglio di Stato, non potrà più essere prorogata. Dovrà andare a gara.  «Uno scandalo. Il potere giudiziario si sostituisce a quello legislativo e mette a repentaglio la sorte di tanti imprenditori come me. Cancella la nostra storia con un colpo di spugna. La mia azienda è cresciuta grazie alla mia opera in questi trent'anni. Era una landa brulla che noi abbiamo fatto fruttare», dice Buticchi, membro della giunta nazionale della Fipe Confcommercio. Dieci anni fa costruì l'Hotel del Lido accanto alla spiaggia, riadattando e sistemando al meglio una vecchia struttura. «Una spesa milionaria. Oggi ho 65 anni e ne ho passati più della metà su quel pezzo di costa - dice Buticchi -. Vale per me come per migliaia di miei colleghi: la balneazione italiana l'hanno inventata gli operatori turistici. E oggi c'è chi vorrebbe regalare il Lido a chiunque abbia la possibilità di venire qui e offrire un euro più di me. È una follia».

Concorrenza, richiamo dell'UE sulle concessioni balneari. Governo prende tempo

Valerio Massimo Manfredi, Marco Buticchi: «Forza Valerio, sei un grande narratore»

Il padre, mitico presidente del Milan

Figlio di Albino Buticchi, il mitico presidente del Milan negli anni Settanta protagonista di epici scontri con Gianni Rivera, Marco Buticchi ha girato il mondo per lavoro in gioventù prima di tornare su questa costa celebrata dai poeti inglesi nell'Ottocento «vivendo come un impegno sociale quello di garantire a tutti di poter fare il bagno in un contesto decoroso». «Sì, io offro garanzie. Smettiamola con la farsa che a godere della messa a gara delle concessioni saranno i consumatori. È una fesseria che ci raccontavano anche con i distributori di benzina in autostrada. Non è difficile vedere com'è andata a finire». Promette battaglia, nelle sedi istituzionali e non. «In Spagna sono state garantite concessioni a 90 anni, in Grecia a 50. Di tavoli di confronto ce ne sono stati molti, senza trovare una soluzione sensata. Io credo si potrebbe impugnare questa sentenza innanzitutto. Ma c'è anche chi è disposto ad incatenarsi ai cancelli per non perdere il frutto del proprio lavoro. Non permetteremo di cancellare la nostra storia. Non permetteremo di metterla in vendita». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA