Manuel Bortuzzo: «Tra dieci anni sarò in piedi ma spero prima»

Lunedì 10 Giugno 2019
Manuel Bortuzzo: «Tra dieci anni sarò in piedi ma spero prima»

«Tra dieci anni mi vedo in piedi. Ma spero di riuscirci anche prima». Sorride Manuel Bortuzzo, il 19enne nuotatore veneto rimasto paralizzato agli arti inferiori dopo essere stato ferito nella notte tra il 2 e 3 febbraio alla periferia sud di Roma, e ripercorre le 'fatiche' della riabilitazione per tornare a camminare. «La riabilitazione procede molto bene - evidenzia Bortuzzo, a margine della presentazione del terzo campionato Usip, in programma in Lombardia dal 19 al 26 settembre -, abbiamo in mente un piano di recupero molto serrato ma non sappiamo dove finirà. Non ci sono tempi certi, il cronometro a cui ero abituato non c'è più. Prima mi allenavo mattina e sera, ora faccio riabilitazione mattina e sera. Fortunatamente lo sport mi ha abituato a certe fatiche».

Bortuzzo si emoziona quando ricorda tutti i messaggi ricevuti in questi mesi: «Mi ha stupito che celebrità e musicisti mi abbiano scritto. Poi Totti, Bebe Vio e tanti altri. L'altro giorno mi ha scritto ancora Gregorio Paltrinieri e mi ha detto che gli manco: evidentemente qualcosa gli ho lasciato nei nostri allenamenti ad Ostia».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma