Pensionato morto a Manduria, il prefetto accusa: «Con un cane ci sarebbe stata rivolta, invece tutti zitti»

Domenica 28 Aprile 2019
19
Pensionato morto, lo sfogo del prefetto: «Con un cane ci sarebbe stata rivolta, invece tutti zitti»

«Se i bulli invece che con quel pover'uomo se la fossero presa con un cane, ci sarebbe stata la rivolta popolare. E invece tutti zitti, in un silenzio assordante che oggi mi lascia amareggiato. Quanto subiva Stano è stato chiuso e isolato in una casa, in una strada, in una comunità: un essere umano che abitava davanti a una parrocchia lasciato solo. Il prete ha detto di essere intervenuto più volte, ma perché non ha segnalato subito ai servizi sociali?». Lo sfogo, forte e appassionato, è del prefetto Vittorio Saladino, uno dei tre commissari prefettizi di Manduria che, all'Adnkronos, parla di un «silenzio assurdo» che ha avvolto e cullato la brutalità delle aggressioni subite nel tempo da Antonio Cosimo Stano.

LEGGI ANCHE Manduria, le frasi choc dopo le sevizie al 66enne: «Era un passatempo»

«Stano era sconosciuto ai servizi sociali perché nessuno, per quanto ne dicano oggi, ha mai fatto segnalazioni - aggiunge il prefetto - La cosa strana è che il soggetto era preso di mira da tanto tempo e nonostante questo anche il responsabile dei servizi sociali ne era all'oscuro. Manduria tra l'altro è capofila nell'efficienza dei servizi sociali, è un paese ricco tra i primi posti di quelli con cittadini risparmiatori, preso di mira da turisti inglesi e tedeschi».  Nessuna giustificazione, dunque, e l'annuncio: «alla manifestazione di sabato 4 maggio per la legalità - ha detto Saladino - parteciperemo con il gonfalone come Commissione straordinaria. Le colpe le ha una comunità distratta, chiusa, coi giovani bombardati dai media e da episodi negativi. Come si fa a rendere oggetto di gioco un uomo, un soggetto indifeso?».
 

 

IL PROCURATORE DI TARANTO
«L'intervento è stato tempestivo, ma sarebbe stato ancora più tempestivo se quelli che sapevano avessero informato gli organi di polizia molto tempo prima: oggi Stano sarebbe tra noi», ha detto il procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo in una in intervista al Tg1 a proposito dell'inchiesta. Per l'accaduto sono indagati 14 giovani, 12 dei quali minorenni. Sulla violenza ci sarebbero filmati fatti con i telefonini dalla baby gang che testimonierebbero che l'uomo veniva sottoposto a lungo a violenze e vessazioni. Il procuratore ha parlato di una «bravata criminale». «Tutti coloro che hanno partecipato - ha detto - saranno chiamati a rispondere e nei confronti di costoro saranno chieste pene esemplari».

LO SFOGO DI UNA MAESTRA
«Per carità la noia. Se ci fossero un cinema e un teatro a Manduria non esisterebbero le baby gang? Qui il problema è uno, ma costa ammetterlo: questi ragazzini vivono in un contesto di impunità fin da piccoli grazie a genitori pronti a difenderli sempre e comunque, pur davanti a evidenze vergognose». A parlare è Pamela Massari, maestra nella scuola elementare di Manduria dove più di qualcuno tra i 14 indagati per la morte di Antonio Cosimo Stano ha studiato.

«Accusare una comunità è azzardato - continua l'insegnante - piuttosto concentriamoci su questi ragazzini sempre più sfrontati. Potrei elencare decine di episodi di cui sono stata protagonista io ma anche tanti miei colleghi, atteggiamenti genitoriali che hanno mortificato e tarpato la mia attitudine professionale. Mamme e papà che si sentono in diritto di inveirti contro perché hai osato rimproverare l'alunno. Le storie che ogni tanto si sentono sono vere: e passare dalla passione per l'insegnamento al lassismo da parte dell'istituzione scolastica per una sensazione di impotenza è purtroppo tutt'altro che difficile».

Ultimo aggiornamento: 20:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani